AC ANGRY – Appetite For Erection

Pubblicato il 12/12/2016 da
voto
6.5
  • Band: AC ANGRY
  • Durata: 00:37:55
  • Disponibile dal: 25/11/2016
  • Etichetta: SPV Records
  • Distributore: Audioglobe

Gli AC Angry giungono con estrema determinazione al secondo capitolo in studio, rilasciato a tre anni di distanza dall’esordio “Black Denim”, gradevole biglietto da visita che a suo tempo ha permesso loro di esibirsi a supporto di storiche realtà del calibro di Saxon e Black Label Society. Un titolo come “Appetite For Erection” lascia ben poco spazio all’ immaginazione, ponendosi idealmente sullo stesso piano delle irriverenti parodie coniate dai celebri Tenacious D. I protagonisti riescono a strappare ben più di un applauso quando si lanciano a rotta di collo in furiosi uptempo di purissimo e scatenato ‘high voltage rock’n’roll’. Impossibile dunque rimanere fermi durante l’esecuzione della feroce “I Wanna Hurt Somebody” e dell’urticante “Testosterone”, la quale non disdegna una fugace puntata nel vasto universo dell’active rock a stelle e strisce. L’ironica “I Hate AC Angry” viene altresì esaltata da un mordace break, arricchito da un inatteso assolo di armonica a bocca, cortesia di James Boyle degli Honey Creek. L’indubbia efficacia degli episodi qui sopra descritti svanisce improvvisamente nel nulla, quando i Nostri inciampano a più riprese in melodie vocali di dubbia efficacia o in citazioni che ne ridimensionano la personalità. Un potenziale anthem esplosivo come “4TW” viene azzoppato da un chorus a dir poco ripetitivo, mentre il riffing portante della title track si avvicina pericolosamente a quello di “Since You Been Gone” di Russ Ballard. Il medesimo difetto si amplifica in modo esponenziale all’altezza delle sarcastiche “Son Of A Motherfucker’s Son” e “Cry Idiot Cry”, ipotetici scarti prelevati dal songbook dei Monster Magnet meno mordaci e ispirati. Ampi margini di miglioramento si prospettano dunque per il quartetto di Saarbrücken, il quale si è onorevolmente sforzato di elaborare un linguaggio musicale vario e pungente, ma non sempre ha dimostrato di possedere il necessario talento per farlo.

TRACKLIST

  1. I Hate AC Angry
  2. 4TW
  3. No Way To Go But Down
  4. I Wanna Hurt Somebody
  5. Appetite For Erection
  6. Son Of A Motherfucker’s Son
  7. The Balls Are Back In Town
  8. Take You Shake You Break You
  9. Cry Idiot Cry
  10. Testosterone
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.