ADAMANTIS GUITAR ORCHESTRA – Cerclaria Lux

Pubblicato il 11/06/2022 da
voto
7.5

Spotify:

Apple Music:

La poesia della musica strumentale sta nelle orecchie di chi ascolta e nella sensibilità di chi la crea. Sembra una premessa inutile ma è un avviso a chi sta per intraprendere l’ascolto di “Cerclaria Lux” degli Adamantis Guitar Orchestra, album cesellato da Raffaello Indri (chitarrista dei friulani Elvenking ma anche dei Frankestein Rooster, IT’sALIE e Harduo) per le dita di tredici chitarristi, di cui undici acustici e due classici.
Dai titoli e dall’idea stessa dell’album, è rapido il collegamento con “Friday Night In San Francisco”, incontro musicale di tre leggende come Al di Meola, Paco De Lucia e John McLaughlin che infiammarono il Warfield Theater con dei tocchi magici di jazz, fusion e flamenco, rincorrendosi tra assoli e ritmi memorabili. Proprio la prima traccia, “Mediterranean Lighthouse”, richiama la leggendaria “Mediterranean Sundance” eseguita da Al di Meola anche per la ritmica e la solarità dei suoni. In questo lavoro i brani sono viaggi fatti di arpeggi e assoli e le musiche originali sono state interamente scritte dallo stesso Raffaello Indri, che decide di allontanarsi da lidi più ruvidi e accarezzare le infinite sponde composte da musiche etniche, come per esempio nel flamenco di “Gypsy Sun”, e da passaggi più moderni e sonorità corali come in “The Awakening Of Time”, coinvolgendo alcuni tra i più promettenti chitarristi del Triveneto. Per completare alcune sfumature nelle partiture partecipano a questo collettivo musicale anche il percussionista nativo di Palmanova M° Pietro Sponton, il pianista dalle radici classiche e jazz Rudy Fantin e, alla ghironda, Martina Arya Fabris. Oltre alla musica inedita trovano spazio nel finale di quest’album un medley di “…And Justice For All” dei Metallica, gruppo che già rivisitato più volte in chiave acustica (oltre ai violoncelli degli Apocalyptica, famosa è anche la cover di “Orion” da parte di Rodigo Y Gabriela e delle loro chitarre), e una reinterpretazione di “Angel Of The South Wind” della cantautrice canadese Sarah McLachlan, qui riletta dalla cantante Flavia Quass. Sono molti gli spunti interessanti di questo “Cerclaria Lux”, dal tema principale di “Tir Na Nog” accompagnato poi da numerose variazioni alla base classica di “Core Cells” alla orientaleggiante “Expugnabat Sceptrum”. Se cercate un’opera che nella sua complessità sia un viaggio rilassante tra vari generi, ascoltate tutte le dieci tracce interpretate da Raffaello Indri e dai suoi compagni di arpeggi.

TRACKLIST

  1. Mediterranean Lighthouse
  2. Oblique 23
  3. Gypsy Sun
  4. Tir Na Nog
  5. The Awakening Of Time
  6. Animic Wave
  7. Core Cells
  8. Expugnabat Sceptrum
  9. ...And Justice For All
  10. Angel Of The South Wind
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.