ADIMIRON – K2

Pubblicato il 29/11/2011 da
voto
8.0
  • Band: ADIMIRON
  • Durata: 00:51:44
  • Disponibile dal: 28/11/2011
  • Etichetta: Bakerteam Records
  • Distributore: Audioglobe

Il 2011 che si avvicina al termine si arricchisce, in questo suo scorcio finale, di un’ottima uscita made in Italy – band, etichetta, studi di registrazione (esclusa la puntata in terra svedese, ai Fascination Street di Jens Bogren, per mix e mastering) – che punta piuttosto decisamente al successo anche internazionale. E i mezzi paiono esserci tutti, a dire il vero: “K2” dei romani Adimiron, come del resto ben evidenziato nel nostro recente track-by-track, è un lavoro tecnicamente e professionalmente perfetto, che unisce una profondità di suoni e una produzione potentissima a un songwriting mai così brillante e convincente, frutto di una lenta ma costante gavetta che la nostra formazione ha portato avanti nel corso degli anni e, non ultimi, degli importanti tour di supporto tenuti nel proprio recente passato. Dopo la già buona release di “When Reality Wakes Up”, platter incentrato su un thrash metal progressivo, tecnico e moderno, figlio principalmente di influenze quali Nevermore e Meshuggah, gli Adimiron, che nel frattempo sono diventati un quartetto a causa dell’abbandono del chitarrista Danilo Valentini, si sono rimboccati le maniche e guardati in giro, inserendo nel loro già complesso-ma-fluente tessuto sonoro prepotenti richiami ai Gojira e alla corrente djent. Con “K2”, quindi, ci si trova spesso fra le orecchie un ibrido non esattamente identificabile, rientrante di certo nell’ambito del prog-thrash metal, ma così ricco di spunti e arrangiamenti curati che spesso si trasvola verso altri lidi, sia che si tratti di djent, appunto, che di techno-death metal oppure di thrash-death metal, come ad esempio nella devastante “The Whisperer”, traccia migliore del lavoro ed impreziosita dalle guest vocals di Dave Padden degli Annihilator. Ci viene difficile trovare qualcosa di sbagliato in “K2”, in quanto tutto si incastra, se non alla perfezione, certamente molto vicino ad essa. Riffing puntuale, sezione ritmica fantasiosa, voci che variano in timbri e dinamiche; e ancora – ci ripetiamo – arrangiamenti sopraffini, lyrics interessanti e profonde, un’accessibilità migliorata che mai sfocia però in (fin troppo) facile fruibilità. Insomma, gli Adimiron han tirato fuori dal cappello un disco di caratura internazionale, poco ma sicuro. E pare che con ciò il futuro sia dalla loro parte. E noi staremo a sentire e vedere. Ottimo.

TRACKLIST

  1. Oriens
  2. Where Nothing Changes
  3. Vertical Limit
  4. Passenger
  5. The Whisperer
  6. To Whom It May Concern
  7. Above The Rest
  8. Red Condition
  9. Servants Poem
  10. Thou Walk Eternal
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.