AEMAET – Human Quasar

Pubblicato il 19/08/2013 da
voto
7.0
  • Band: AEMAET
  • Durata: 00:43:00
  • Disponibile dal: 12/03/2013
  • Etichetta: Red Cat Records
  • Distributore:

Se è vero, come spesso accade, che il genere proposto da una band è intuibile già dal nome della band stessa, ecco che l’impresa di decifrare cosa suonino gli Aemaet – termine ebraico che significa ‘verità’, utilizzato secondo la leggenda dai rabbini per dare vita al Golem – risulta non facile, così come di non facile interpretazione risulta anche il titolo dell’album, “Human Quasar”, giocato sulla contrapposizione tra l’essere umano e la sorgente luminosa, portatore di un’energia infinitamente più forte del sole. Spostandosi dall’etimologia alla musica, resta comunque arduo catalogare la proposta sonora del quartetto laziale, genericamente inquadrabile nel filone dell’alternative rock/metal anni ’90, senza disdegnare divagazioni di stampo new wave ed electro. Diviso in due, come si usava una volta, il disco parte forte con il Lato A (White Matters), dove trovano posto pezzi più tirati come “Vetus Ordo Seclorum” e “The Iconosclasts”, quasi una versione moderna degli Smiths, prima di rallentare con “A Boy Called Hermes”, in cui chitarre più soffici ed un tappeto di pianoforte a là Muse accompagnano la cangiante voce di Cristian Suardi, il cui registro vocale spazia con apparente naturalezza da Morrisey a Ville Valo. Chiusa la prima parte con la toccante “Andy The Mothman”, perfetto esempio di fusione tra chitarre ed elettronica, si apre il Lato B (Black Matters), in cui le ritmiche si fanno più rarefatte e le atmosferiche oniriche, spostando il raggio d’azione verso il finnish metal di H.I.M. (“Slumber”, “Shadow”) e 69 Eyes (“The Hangman”), fino ad arrivare ad un ipnotico ibrido dark-electro-prog (“Paradoxical Sleep”), esperimento ancora un po’ acerbo ma affascinante. Aggiungiamoci sul finale l’ossimoro love/nu-metal di “A Shelter From Dreams”, ed ecco completato il quadro di un disco tutto fuorchè banale, frutto di una band dalla doppia anima – la prima, per la verità, più intrigante della seconda – e che, ne siamo certi, non mancherà di far parlare di sé.

TRACKLIST

  1. Vetus Ordo Seclorum
  2. The Iconosclasts
  3. A Boy Called Hermes
  4. Demons Of Dawn
  5. Andy The Mothman
  6. Slumber
  7. The Hangman
  8. Shadow
  9. Paradoxical Sleep
  10. A Shelter From Dreams
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.