AEON WINDS – Stormveiled

Pubblicato il 17/07/2019 da
voto
6.5
  • Band: AEON WINDS
  • Durata: 00:49:18
  • Disponibile dal: 09/07/2019
  • Etichetta: Avantgarde Music
  • Distributore: Audioglobe

Al secondo full-length dopo ben sette anni e un pugno abbondante di split, EP, e apparizioni in compilation, i blackster sinfonici slovacchi si ripresentano al mondo con la nuova opera “Stormveiled”. Se anche solo leggere blackster sinfonici vi ha dato la sensazione di fine anni ’90 è perché la proposta dei Nostri sembra uscire proprio da quell’epoca, quando quel particolare genere dava adito a guerre fraticide e divideva mortalmente le schiere di oltranzisti e ascoltatori più open minded e faceva divertire chi stava fuori dalle diatribe e apprezzava sia i Dimmu Borgir che i Marduk. Sin dal titolo, proprio i Dimmu Borgir, epoca primi tre dischi, sono uno dei nomi che ci vengono in mente, ascoltando gli Aeon Winds, ma, soprattutto, gli slovacchi guardano a Ihsahn e soci per portare a termine il proprio sporco lavoro: dagli Emperor infatti sembrano pescare a piene mani ispirazioni e modus operandi, in alcuni momenti anche un po’ troppo. Tuttavia, se torniamo a pensare a quante uscite simili l’una all’altra venivano fuori nei suddetti anni floridi, e quanto ce le facevamo andare bene, possiamo anche chiudere un occhio sulla pura originalità del combo e goderci invece quanto di buono gli slovacchi hanno da offrire. Infatti “Stormveiled” non rimarrà negli annali, forse, ma ci fa godere di una cinquantina di minuti emozionante e con pochissimi cali. C’è qualche ingenuità laddove si vanno smaccatamente a richiamare gruppi vent’anni più vecchi, la personalità è quel che è e c’è qualche momento ambient di troppo (troppe tracce atmosferiche che spezzano eccessivamente il ritmo a nostro parere, sembrando messe lì per allungare un po’ il minutaggio), e come detto siamo di fronte a qualcosa di un po’ derivativo, ma la band sembra divertirsi lo stesso, noi pure, e alla fine dovrebbe andare bene così un po’ a tutti. A scuola sarebbe un tema da sei, ben fatto, scorrevole ma senza particolari picchi. Noi diamo anche il mezzo in più, chè ci è piaciuto leggerlo.

TRACKLIST

  1. Of Times Forgotten...
  2. A Cosmic Sky Ablaze
  3. Beyond All Empty Places
  4. Dawn of the Untamed Moon
  5. It Is Beneath Where the Mountains Sing
  6. Legacy of the Unconquered Sun Stormveiled
  7. Dying Star Remembrance
  8. To Embrace the Void
  9. ...and Woods Forlorn
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.