AGARTHIC – The Inner Side

Pubblicato il 09/12/2021 da
voto
7.0
  • Band: AGARTHIC
  • Durata: 01:00:35
  • Disponibile dal: 10/12/2021
  • Etichetta:
  • Frontiers

Spotify:

Apple Music:

Gli Agarthic sono una band formatasi nel 2019 su iniziativa di Mattia Gosetti (bassista e compositore) e del cantante Valeriano De Zordo. Completata la formazione con il chitarrista Jesai Fiabane e il batterista Denis Novello, il gruppo registra l’anno scorso il suo album di debutto sotto la supervisione di Aldo Lonobile (Secret Sphere, Archon Angel, Timo Tolkki’s Avalon), che suona pure un assolo in un brano. Il lavoro, intitolato “The Inner Inside”, ci presenta una band dedita fondamentalmente ad un classico metal melodico, con un massiccio ricorso però ad orchestrazioni tanto che, sotto questo profilo, si ravvisano influenze in modo particolare dei Rhapsody Of Fire: il cantante, del resto, sembra spesso fare ampio riferimento a Fabio Lione (il quale giustamente, a questo punto, è stato direttamente chiamato in causa come guest in un brano) per quanto, comunque, in generale riesca a tirare fuori anche una sua certa personalità; anzi, a nostro avviso, nel complesso proprio la performance di De Zordo si rivela essere uno dei punti di forza del disco.
Il songwriting è senz’altro molto valido, con brani che riescono ad essere melodici ma allo stesso tempo magniloquenti, grazie a cori imponenti e orchestrazioni ben arrangiate; ci saremmo aspettati, per la verità, dei refrain un po’ più incisivi, anche se sotto quest’aspetto qualche brano sicuramente emerge, come “The Ancient Secret Scroll” o “Message From The Gods”: peraltro, nel caso di quest’ultimo, ritroviamo l’unica concessione all’italiano (come del resto hanno fatto in qualche occasione gli stessi Rhapsody Of Fire). Nel finale della tracklist, a nostro parere, sono presenti i brani più particolari: varia e ricca di suggestioni “Escape To Antarctica”, mentre “Last Journey” è una traccia atmosferica, un po’ una via di mezzo tra una ballad e un midtempo; molto interessanti “Negotiations Failed”, con delle dissonanze particolari e la conclusiva “Illuminati’s Reign”, una traccia che sfiora addirittura i dieci minuti di durata. Sicuramente davvero valida anche la performance dei musicisti: di De Zordo abbiamo già detto, così come, oltre ad una solida e vivace sezione ritmica, si mette in evidenza Fiabane con bellissimi assoli. Ben curati i cori, dove si avverte, tra gli altri, l’apporto di Marco Pastorino; ed in effetti in qualche traccia si può ravvisare qualche influenza dei Temperance (ad esempio in “A Heaven Inside This Earth”, ma non solo).
Un esordio dunque senz’altro positivo: per il futuro, possiamo ipotizzare che la band possa propendere maggiormente o verso l’inserimento di qualche sfumatura progressive o piuttosto che possa concentrarsi su brani di maggiore impatto, con ritornelli magari più accattivanti sin dai primi ascolti. In questo “The Inner Side” ci sono infatti buone tracce ma probabilmente tra varie ispirazioni non sembra esserci ancora una presa di posizione decisa in un senso o nell’altro. Le basi che sono state gettate sono comunque senz’altro interessanti e il risultato è quello di un disco godibilissimo, che merita di avere la sua chance.

TRACKLIST

  1. The Beginning Of All
  2. The Ancient Secret Scroll
  3. A Journey To The End Of The World
  4. A Heaven Inside This Earth
  5. Through The Mystical Forest
  6. Message From The Gods
  7. Back Home
  8. Negotiations Failed
  9. Escape To Antarctica
  10. Last Journey
  11. Illuminati's Reign
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.