AGATHOCLES – Mincer

Pubblicato il 10/08/2006 da
voto
7.0
  • Band: AGATHOCLES
  • Durata: 00:36:27
  • Disponibile dal: 28/04/2006
  • Etichetta:
  • Displeased
  • Distributore: Masterpiece

Spotify:

Apple Music:

Nazionalità belga, padri del mincecore, centinaia di collaborazioni inquasi vent’anni di carriera, attitudine, fortissimo legame conl’underground, autori di canzoni di protesta durissime…questi sonosolo pochi modi di descrivere gli Agathocles, vera e propria leggendadel grind, giunti con questo “Mincer” all’ottavo studio album(escludendo demo, live, raccolte e decine e decine di split CD). Iltitolo del lavoro è assolutamente emblematico, i belgi sono gli alfieriindiscussi del mincecore, corrente del grind che ne rivendica i valoriprimigeni e, musicalmente parlando, scarica sull’ascoltatore unacaterva di brani brevissimi e velocissimi. Ovviamente una recensionetrack-by-track non avrebbe senso in questo caso, basti sapere che letracce sono tutte di pari valore, anche se forse un po’ al di sottodelle cose migliori della band. Vi sono episodi più controllati epunkeggianti come “Forced To Masturbate”, ma in generale il piede èsempre premuto sull’acceleratore, i ritmi sono elevatissimi, graziesoprattutto a Roel dietro le pelli e alle chitarre possenti di Dirk. Lavoce di Jan è sempre istintiva ed in bilico tra il growl e lo scream. Itesti come al solito sono al vetriolo e accusano i potenti della terra,schierandosi senza indugi con chi soffre e fa le spese di uncapitalismo arrogante ma sempre meno rispettoso di quelli che sono idiritti fondamentali degli uomini. Emblematici in tal senso alcunititoli come “Matadores De Libertad”, “War Fetisjists Kill” e “YuppieCareer Freak”. Gli Agathocles colpiscono duro proprio li dove il nervoè scoperto e lo fanno con un attacco frontale alle istituzioni. La loromusica è l’arma di denuncia, quindi per forza di cose deve essere dura,brutale, sferzante e finanche nervosa ed in questo il trio ha semprefatto centro. Album non fondamentale, come ad esempio poteva essere”Thanks For Your Hostility”, ma molto utile per capire un interomovimento e gli ideali che lo tengono in piedi.

TRACKLIST

  1. Dethrone The Tyrant
  2. Matadores Del Livertad
  3. Maze Of Papers
  4. Empty Frame
  5. War Fetisjists Kill
  6. Carved Face Fashion
  7. Forced To Masturbate
  8. Ergos - Thanatos
  9. Archives And Filed
  10. Yuppie Career Freak
  11. Diary Of White Trash
  12. Bass The Gabbers
  13. Kurose
  14. Expendable Goods
  15. Class War Necessity
  16. Logical Exodus
  17. Misery = Destiny
  18. Pricks At Gigs
  19. Goredom - Boredom
  20. Where It Belongs
  21. Mincer
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.