AHAB – The Call Of The Wretched Sea

Pubblicato il 03/11/2006 da
voto
7.0
  • Band: AHAB
  • Durata: 01:07:49
  • Disponibile dal: 02/10/2006
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

Primo: inserite nel lettore cd il primo album ufficiale degli Ahab, questo “The Call Of The Wretched Sea”. Secondo: spegnete tutte le luci, abbassate le tapparelle e chiudete le finestre. Terzo: svuotate la mente e fingete di ritrovarvi di notte su di una piccola imbarcazione nel bel mezzo dell’oceano. Probabilmente la sensazione che provetete sarà di smarrimento e vi sentirete quasi sminuiti davanti ad un’immensità che sembra non avere fine. Per creare questo senso di impotenza con un po’ di musica e pochi semplici accorgimenti significa che gli Ahab hanno colpito nel segno. Più prosaicamente e per dovere di recensione diremo che la band è formata da Christian Hector e Daniel Droste dei Midnattsol e da Stephan Adolf, ex Endzeit e che il concept su cui si basa questo esordio è basato su “Moby Dick” di Melville. I ragazzi propongono un doom funereo ma con degli sbalzi d’umore notevoli, che va a simulare in tutto e per tutto il movimento marino, che un momento è tranquillo ed il momento successivo viene squassato da delle onde gigantesche, magari nate dai movimenti di coda dell’enorme cetaceo albino. La struttura oscra del libro viene perfettamente preservata, così come viene tramandato il pathos tragico che circonda il capitano Achab. Musicalmente parlando abbiamo a che fare con un riffing lentissimo e dilatato, un growling cavernoso ed una sezione ritmica che risulta più fantasiosa del previsto, con dei giochi di piatti che spesso e volentieri contrastano con l’atmosfera nerissima del lavoro. Vi sono poi degli inaspettati squarci più solari (si fa per dire ovviamente), come al termine di “Below The Sun”, dove le chitarre, solitamente pesantissime, azzardano riff ed arpeggi maggiormente ariosi. Insomma, questo “The Call Of The Wretched Sea” è un signor album e si candida come miglior lavoro di funeral doom dell’anno, in lotta con “In The Depths Of R’lyeh” dei Catacombs che, non a caso, narra a sua volta di spazi sconfinati, seppure in un ambito maggiormente orrorifico. Ottimo acquisto per il roster della Napalm Records e band da tenere assolutamente sott’occhio.

TRACKLIST

  1. Below The Sun
  2. The Pacific
  3. Of The Monstrous Pictures Of Whales
  4. The Sermon
  5. Old Thunder
  6. The Hunt
  7. Ahab's Oath
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.