ALARUM – Eventuality

Pubblicato il 17/10/2005 da
voto
7.0
  • Band: ALARUM
  • Durata: 01:04:53
  • Disponibile dal: /07/2005
  • Etichetta: Earache
  • Distributore: Self

Distribuito in suolo europeo dalla lungimirante Earache, “Eventuality”, secondo disco degli australiani Alarum, ha fatto davvero incetta di premi e riconoscimenti agli Australian Heavy Metal Awards del 2004 e, a ben vedere, non è difficile capire il perché: il quartetto oceanico propone quel geniale sottogenere metallico, unente il death metal tecnico a escursioni nel prog, nella fusion e nel jazz, portato alla ribalta da gente quali Watchtower, Atheist, Cynic e, in parte, Death. Ovviamente, essendo oggi nel 2005, il suono e l’attitudine che alimentano gli Alarum sono maggiormente modernizzati e le band d’oggidì che saltano rapidamente alla mente possono essere i norvegesi Extol, i Candiria (soprattutto per il drumming virtuoso ed imprevedibile del bravissimo Matt Racovalis), gli Into Eternity, addirittura i nostrani Kénos. I quindici brani (più ghost-track, la quale allunga di venti minuti di silenzio la durata dell’album) componenti “Eventuality” sono concepiti con intelligenza e mestiere, mai prolissi o dannosamente ripetitivi, sempre alla ricerca della sintesi e dell’originalità, attraverso strutture rapidamente cangianti, innumerevoli cambi di tempo e spezzoni acustici che, oltre a sfociare nel prog ed in un minimo di post-core, si tuffano senza remore in accenni pop molto melodici (basti ascoltare l’allegra e sorridente “Remote Viewing”, oppure la più cupa “Throughout The Moment”). Quattro tracce interamente strumentali, cammeo di classe ed arguzia tecnica, spezzano un po’ la sequenza precipitosa di composizioni stranianti e vorticose, fra le quali l’opener “Velocity”, “Subject To Change”, “Sustained Connection” e “Inertial Grind” si guadagnano la citazione. Gli arrangiamenti delle parti più lente sono molto ben strutturati, con chitarre pulite a venir spesso sovra-incise sul suono tagliente della sei-corde ritmica. Unico appuntino negativo da segnalare è la prestazione leggermente incerta del vocalist/bassista Mark Palfreyman, capace di destreggiarsi in diversi stili vocali, ma non sempre con la giusta precisione e bravura. Album già maturo, quindi, anche se i margini di miglioramento per gli Alarum sono davvero ampissimi. Bella sorpresa e disco che va giù che è un piacere.

TRACKLIST

  1. Velocity
  2. Sustained Connection
  3. Lost Pleiad
  4. Receiver
  5. Remote Viewing
  6. Inertial Grind
  7. Cygnus X – 1
  8. Throughout The Moment
  9. Woven Imbalance
  10. Boundless Intent Part 1
  11. Boundless Intent Part 2
  12. Subject To Change
  13. Event Duality
  14. Audio Synthesis
  15. Reconditioned
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.