ALESTORM – Captain Morgan’s Revenge

Pubblicato il 29/01/2008 da
voto
6.5
  • Band: ALESTORM
  • Durata: 00:41:40
  • Disponibile dal: 21/01/2008
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe
Primo full length per gli scozzesi Alestorm, gruppo che, stando a quanto si legge sulla copia promozionale, si presenta come autore di uno “scottish pirate metal”. Certo la cosa mette curiosità e bisogna dire che il gruppo in effetti è tematicamente orientato verso narrazioni piratesche, battaglie navali, taverne e quant’altro. D’altronde, anche la copertina non lascia dubbi. Che siano arrivati i nuovi Running Wild? Manco per scherzo… infatti, oltre all’evidente inferiorità a livello qualitativo, il gruppo si discosta anche stilisticamente. Se qualche influenza della band di Rock n’ Rolf si sente, la maggior somiglianza si nota con band tipo Ensiferum, Korpiklaani ma soprattuto Turisas. Molto presenti sono infatti gli inserti folkloristici e le atmosfere goliardiche da festa di paese. La partenza non è delle migliori e infatti “Over The Seas” scorre via senza lasciare il segno e mette in evidenza la voce roca e poco aggraziata (praticamente lo stereotipo di pirata che abbiamo in mente) del cantante tastierista Christopher Bowes. Musicalmente il gruppo è nella media e i brani sono fluidi e divertenti, l’ideale per un open air estivo. La titletrack parte a tutta velocità tra sinfonie Rhapsodiane nel fragore di un’esplosione, per assestarsi poi su tempi medi mettendo in mostra l’anima più folk del quartetto e culminare con un ritornello che ricorda i nostri Elvenking. Uno dei difetti del gruppo sta nella mancanza di una vera fisarmonica, sostituita dal suono artificiale della tastiera di Bowes. Numerosi i brani che, pur apparendo scontati, trascinano l’ascoltatore grazie a cori battaglieri semplici e facilmente memorizzabili. È il caso di “The Huntmaster” e delle tirate “Terror On The High Seas” e “Set Sail And Conquer”. Non poteva mancare una drinking song ed ecco “Nancy The Tavern Wench”, il classico brano da bevuta di gruppo. Presente in coda anche un riarrangiamento di “Flower Of Scotland” uno degli inni scozzesi non ufficiali. “Death Before The Mast” è invece costruita su riff al limite del thrash e si aggiudica il titolo di brano più aggressivo del lavoro. In conclusione questo è un album con qualche difetto e con pezzi molto semplici che dovrebbero fare la loro figura dal vivo, soprattuto se la band si presenta in tenuta piratesca come dalle foto sul sito. Su disco si rischia invece di stancarsi dopo pochi ascolti.

TRACKLIST

  1. Over The Seas
  2. Capitain Morgan's Revenge
  3. The Huntmaster
  4. Nancy The Tavern Wench
  5. Death Before The Mast
  6. Terror On The High Seas
  7. Set Sail And Conquer
  8. Of Treasure
  9. Wenches And Mead
  10. Flower Of Scotland
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.