ALL 4 1 – The World’s Best Hope

Pubblicato il 30/06/2017 da
voto
7.0
  • Band: ALL 4 1
  • Durata: 00:46:00
  • Disponibile dal: 07/07/2017
  • Etichetta: Frontiers
  • Distributore:

Dietro a questa curiosa denominazione sociale si celano quattro autorevoli personalità che da tempo gravitano nella vasta orbita del rock melodico, le quali hanno deciso di unire le proprie forze per dar vita ad un esordio palesemente ancorato alla tradizione del genere, caratterizzato altresì da un ampio ventaglio di colori, suoni ed umori decisamente accattivanti. Il frontman Terry Brock (Strangeways, Giant, Slamer) ed il talentuoso bassista/cantante Robert Berry, quest’ultimo protagonista al microfono dell’unica meravigliosa testimonianza rilasciata dai 3 in compagnia di Keith Emerson e Carl Palmer nel lontano 1988, si scambiano continui convenevoli mediante un profluvio di melodie vocali sovente ispirate e cristalline. Nelle retrovie scoviamo invece il chitarrista Gary Pihl (Boston, Sammy Hagar) coadiuvato dal batterista Matt Starr, di recente assoldato da Ace Frehley e dai Mr.Big, entrambi abili nel fagocitare partiture strumentali di gran gusto e marcata espressività. In cabina di regia dirige i lavori il sempre più quotato produttore e musicista Alessandro Del Vecchio, il quale conferisce all’impasto sonoro una robusta veste moderna ad ampio respiro. Sembra proprio che in questa occasione non ci troviamo dinnanzi all’ennesimo progetto estemporaneo messo in piedi per colmare il tempo libero di ogni soggetto, ma ad una band vera e propria che ambisce con umiltà e passione a costruirsi una carriera di un certo rilievo. All’interno dello scrigno di “The World’s Best Hope” troviamo undici composizioni sufficientemente varie ed accattivanti, nelle quali i Nostri si divertono a coniare chorus appiccicosi come una gomma americana posti al di sopra di un frizzante tappeto melodic rock (“Cyanide”, “Show Me The Way”), avventurandosi altresì in audaci saliscendi emotivi che rievocano l’operato dei Magnum più solenni ed eleganti (“Down Life’s Page”, “The World’s Best Hope”). “Mother Don’t Cry” invece si presenta come una solenne power ballad caratterizzata da un toccante sentore drammatico, ma tale gradita parentesi viene spazzata via dalla solare grinta emanata dalla poliedrica ed incalzante “After The Rain” e dalla più ‘quadrata’ “Hero In Your Life”, che non avrebbe sfigurato affatto nel multiplatinato “OU812” dei Van Halen. La partenza è indubbiamente valida, ora non ci resta che attendere il prossimo passo di un gruppo che ha dimostrato di possedere tutte le carte in regola per smarcarsi dai rassicuranti standard, allo scopo di approdare ad un linguaggio egualmente convincente, ma più maturo e ricco di personalità.

TRACKLIST

  1. After The Rain
  2. Cyanide
  3. Down Life's Page
  4. Mother Don't Cry
  5. Show Me The Way
  6. Walk Alone
  7. Don't Surrender (To Love)
  8. Hero In Your Life
  9. Never Back Down Again
  10. Who Knows
  11. The World's Best Hope
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.