ALL OUT WAR – Condemned To Suffer

Pubblicato il 01/01/2004 da
voto
6.5
  • Band: ALL OUT WAR
  • Durata: 38:00:00
  • Disponibile dal: 21/10/2003
  • Etichetta: Victory Records
  • Distributore: Get Smart

Senza ombra di dubbio una delle band più pesanti, e dall’attitudine “no-compromise” vigorosamente messa in mostra, dell’intera scuderia Victory Records, e certamente uno dei dischi più massicci ed incorruttibili usciti nel 2003! “Condemned To Suffer” dei newyorkesi All Out War è una botta pazzesca, per dirla nel più comune gergo “da strada”: con l’iconcina del quadriumvirato Araya/King/Hannemann/Lombardo posto sull’ampli, Mike Score e i suoi truci compari devono essere entrati in sala di registrazione decisi a distruggere tutto… Dodici pezzi grondanti thrash/death (e si aggiunga anche il suffisso –core, tenuto conto dello screaming squarciagola del sopra citato cantante) che non lasciano alternativa al timpano umano, se non quella di vacillare a più riprese, sotto i cadenzati riff da puro headbanging della coppia Segarra/Apuzzo, oppure a causa delle ripetute scosse d’assestamento generate dal drumming di Jesse Sutherland. Arrabbiatissimi contro il mondo, l’Uomo e la Religione tutta, gli All Out War, probabilmente, non conoscono il termine “pausa”, scodellando, una dietro l’altra, song assassine e di sicura presa per chi adora Slayer e/o questo sottogenere. E fin qui ci si è limitati a valutare in toto il lavoro, svelandone così il maggior pregio, la nichilista esplosione di violenza… è d’obbligo ora, però, fare una capatina anche nel “reparto difetti”: in primis, il disco non brilla certo per qualità, in quanto i brani non sono proprio entusiasmanti e si assestano tutti su un livello abbastanza mediocre; la ripetitività, pur essendo una peculiarità di questo tipo di release, stavolta non giova alla band, generando noia già verso metà album; la partenza d’impatto delle canzoni, con progressivo rallentamento della velocità dei riff chitarristici, è un trucchetto che piace solo in qualche episodio, ma che alla lunga stanca un po’; più interessanti, infatti, tracce quali “Bleeding The Weak” (l’inizio arpeggiato ricorda i vecchi Testament), “Destined To Burn” (l’unica ad avere sbalzi d’umore al suo interno) e “Gone Forever” (più ragionata e cupa), nei quali il gruppo fa lo sforzo di inserire elementi diversificativi. Anche a riguardo dei testi bisogna dire che agli All Out War piace ripetersi, variando temi solo nella caustica “Hypocrites Of The Revolution”, feroce critica ad un certo tipo di metal che va per la maggiore su di un certo canale televisivo… Non si può definire “Condemned To Suffer” un brutto album, questo no! Però, oltre alla dose di violenza (ed in questo caso, verrebbe da dire “meno male che almeno pestano!”), sarebbe stata gradita qualche idea in più, qualche soluzione atta a sciogliere un pochettino la staticità compositiva che alberga negli All Out War. Mezzo punto in più, causa gusti del sottoscritto… 

TRACKLIST

  1. Straight Towards Extinction
  2. Condemned To Suffer
  3. Bleeding The Weak
  4. Heaven's Coming Down
  5. Two Thousand Years
  6. From The Bottom
  7. Destined To Burn
  8. Pray For Salvation
  9. Hypocrites Of The Revolution
  10. Vengeance For The Angels
  11. Rise Of The Antichrist
  12. Gone Forever
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.