ALL THAT REMAINS – For We Are Many

Pubblicato il 16/10/2010 da
voto
6.0
  • Band: ALL THAT REMAINS
  • Durata: 00:40:41
  • Disponibile dal: 11/10/2010
  • Etichetta: Prosthetic Records
  • Distributore: Audioglobe
Con "For We Are Many" gli All That Remains fanno un sunto di quanto realizzato in carriera sino a oggi, offrendoci un lotto di brani che, stilisticamente parlando, pesca da vari periodi della loro discografia. Abbiamo così il metal-core simil-primi Killswitch Engage della title track – con breakdown, riff melo-death e alternanza vocale growl/pulito – tracce "radiofoniche" cantate solo in clean, a dir la verità talmente addolcite da non avere un minimo di grinta e dal risultare posticce ("The Last Time"), e parentesi più dilatate e atmosferiche, dove invece l’impostazione melodica di Phil Labonte non stona affatto ("The Waiting One"). Come accennato, in altri punti della tracklist troviamo infatti estremamente goffe certe virate a dir poco pop-oriented della voce di Labonte, che senz’altro dimostra di avere grande versatilità, tuttavia anche ben poca "misura", dato che la base musicale è pur sempre metal. E’ come se a volte gli All That Remains volessero tenere i piedi saldi nel "nostro" ambiente, ma al tempo stesso cercare in ogni modo di ottenere un po’ di air-play, con risultati che a tratti sfiorano il risibile. In questo, i vari Killswitch Engage o Trivium possiedono senza dubbio maggior criterio della band nel miscelare questi due aspetti. Insomma, le formule stilistiche degli ultimi anni sono tutte qui, ma anche le ingenuità. La produzione scintillante di Adam D. potrebbe però riuscire ad adescare comunque gli ascoltatori meno scafati e/o esigenti.

TRACKLIST

  1. Now Let Them Tremble
  2. For We Are Many
  3. The Last Time
  4. Some Of The People, All Of The Time
  5. Won't Go Quietly
  6. Aggressive Opposition
  7. From The Outside
  8. Dead Wrong
  9. Faithless
  10. Hold On
  11. Keepers of Fellow Man
  12. The Waiting One
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.