ALLEN/OLZON – Worlds Apart

Pubblicato il 16/03/2020 da
voto
7.0
  • Band: ALLEN/OLZON
  • Durata: 00:56:04
  • Disponibile dal: 06/03/2020
  • Etichetta:
  • Frontiers

Spotify:

Apple Music:

Archiviata l’esperienza Allen/Lande, l’inarrestabile e prolifico polistrumentista Magnus Karlsson orchestra anche questa inedita unione tra cantanti di primo livello: a Russell Allen dei Symphony X viene questa volta accostata Anette Olzon, ex cantante dei Nightwish e da alcuni anni leader (insieme all’ex Sonata Arctica Jani Liimatainen) dei The Dark Element.
Come per gli album in cui le voci erano quelle di Allen e Jorn Lande, anche in questo “Worlds Apart” Karlsson si è occupato di tutte le composizioni e dell’esecuzione di quasi tutti gli strumenti (solo la batteria è stata affidata ad Anders Köllerfors, giovane musicista attivo nell’underground svedese). Il marchio del musicista è dunque assolutamente riconoscibile, non deludendo le aspettative di chi aveva apprezzato le esperienze precedenti guidate dal musicista svedese: un power metal sinfonico, molto melodico, dalle tinte vagamente AOR, caratterizzato dall’ottima cura negli arrangiamenti.
L’opener “Never Die” mostra immediatamente come le voci di Allen e Olzon possano effettivamente creare un interessante intreccio: ovviamente diversissime, ma al contempo affiatate e in sintonia per quanto riguarda l’espressività e l’intensità dell’esecuzione, danno vita a un ritornello radiofonico, circondato dalla tecnica sempre precisa e mai sfarzosa di Karlsson. E questo brano rappresenta pienamente il tracciato su cui muoverà tutto il resto del lavoro.
Rispetto ai dischi con Lande, leggermente più chitarristici e ruvidi, qui c’è un lavoro orchestrale maggiormente presente e diffuso, con composizioni che spesso strizzano l’occhio ai Nightwish – proprio quelli del periodo con Olzon alla voce. Senza la magniloquenza dei finlandesi, e senza mai scivolare in un sound poco autentico, brani come la titletrack, “Lost Soul” o “One More Chance” si imprimono perfettamente nella memoria dell’ascoltatore e sembrano costruiti proprio per i fan dei Nightwish di “Dark Passion Play”: la presenza di Allen e la personalità compositiva di Karlsson però riescono a non far mai cadere il lavoro nella mera imitazione, senza mai dare la sgradevole esperienza del ‘già sentito’.
Molto apprezzabile anche la costruzione dell’album, non come una sequela di semplici ‘duetti’: le doti e le capacità di Allen e Olzon emergono progressivamente nel corso del disco, con brani ritagliati attorno alle loro caratteristiche vocali. Ed è interessante ascoltare Allen destreggiarsi benissimo in brani ben lontani dalla sua band di origine, come “What If I Live” e “Who You Really Are”, che sarebbero stati perfetti nei lavori con Lande, ma che qui non sfigurano affatto proprio grazie alla versatilità del vocalist statunitense. Lo stesso vale per Olzon, capace di imprimere il suo marchio riconoscibile anche in pezzi teoricamente distanti dal suo repertorio, come “I’ll Never Leave You” (che ricorda molto gli ultimi, discutibili, Sonata Arctica), ma anche in una semi-ballad molto vicina a certo pop degli ultimi anni – e che non brilla per originalità – come “Cold Inside”.
Ciò che sorprende di “Worlds Apart” è dunque la freschezza compositiva, ma anche – e soprattutto – la tangibile sinergia tra i musicisti coinvolti, rendendo il lavoro non un semplice disco ‘acchiappa-fan’, ma un’esperienza musicale piacevole e onesta, che offre un power metal certamente non eclatante ma davvero di ottima fattura.

TRACKLIST

  1. Never Die
  2. Worlds Apart
  3. I’ll Never Leave You
  4. What If I Live
  5. Lost Soul
  6. No Sign Of Life
  7. One More Chance
  8. My Enemy
  9. Who You Really Are
  10. Cold Inside
  11. Who’s Gonna Stop Me Now
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.