ALMAH – Fragile Equality

Pubblicato il 08/11/2008 da
voto
6.5
  • Band: ALMAH
  • Durata: 00:47:10
  • Disponibile dal: 17/10/2008
  • Etichetta: AFM Records
  • Distributore: Audioglobe

Non si è fatta attendere la voce degli Angra, Edu Falaschi, al ritorno sulle scene ad un solo anno di distanza dal debutto solista; il singer brasiliano non deve aver perso tempo in questi dodici mesi, fors’anche colto da una voglia di rivincita dopo il mezzo fiasco dell’omonimo primo lavoro. Questa volta il buon Falaschi ha pensato bene di rivoluzionare la formazione, escludendo i prestigiosi ma poco collaborativi session men del debutto (i vari Lauri Porra degli Stratovarius, Casey Grillo dei Kamelot e Emppu Vuorinen dei Nightwish), con l’innesto di quattro talentuosi musicisti carioca, fra cui spicca al basso Felipe Andreoli, già compagno negli Angra. Dal punto di vista del songwriting, siamo sempre al cospetto di un power metal sinfonico in cui affiora inevitabilmente l’influenza degli stessi Angra degli ultimi dischi: canzoni come “Magic Flame” o “Meaningless World” non aggiungono granché rispetto a quanto già sentito in ambito power orchestrale, tuttavia l’immediatezza delle linee vocali e la grande cura degli arrangiamenti fanno passare in secondo piano l’inconveniente, evidenziando fra l’altro una compattezza impensabile con la vecchia formazione. Gli amanti dei ritornelli imponenti, della doppia cassa tambureggiante e dei virtuosismi chitarristici di stampo Malmsteeniano saranno felici di poter ascoltare brani come l’opener “Birds Of Prey”, mentre chi predilige sonorità più progressive troverà conforto nei saliscendi fra rock e thrash metal della titletrack o della successiva “Torn”. Immancabili le reminiscenze latine sperimentate in “Invisibile Cage”, mentre il consueto momento di riflessione si chiama “Shade Of My Soul”, che corona definitivamente la prestazione di un Edu Falaschi mai prima d’ora così sicuro e convincente dietro il microfono. “Fragile Equality” non sarà il disco power metal dell’anno, ma troverà consensi fra gli amanti del genere e pone le basi per un futuro intrigante. Buona la seconda.

TRACKLIST

  1. Birds Of Prey
  2. Beyond Tomorrow
  3. Magic Flame
  4. All I Am
  5. You’ll Understand
  6. Invisible Cage
  7. Fragile Equality
  8. Torn
  9. Shade Of My Soul
  10. Meaningless World
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.