ALTAR OF PERVERSION – Intra Naos

Pubblicato il 11/05/2018 da
voto
6.0
  • Band: ALTAR OF PERVERSION
  • Durata: 01:53:31
  • Disponibile dal: 15/04/2018
  • Etichetta: Norma Evangelium Diaboli
  • Distributore:

Il ritorno della band toscana dopo ben diciassette anni non arriva sicuramente in sordina; gli Altar Of Perversion, infatti, in barba a qualunque tentativo di accattivarsi con facilità nuovo pubblico, si presentano con un doppio album che sfiora le due ore di durata, una vera maratona oscura che richiede tempo, attenzione e anche diversi ascolti per essere metabolizzato a dovere. La dimensione musicale resta legata per certi versi alla seconda metà degli anni Novanta, quantomeno negli intenti e nell’assenza di compromessi, ma è filtrata alla luce di sperimentazioni ed evoluzioni che hanno segnato il cammino del black metal in questi ultimi tre/quattro lustri: nel percorso mistico e trascendentale intrapreso dai Nostri possiamo vedere echi dei Deathspell Omega, del resto un pilastro ormai inevitabile per certo sound, e con un paragone magari meno evocativo – almeno in termini di nobile filiera – i più recenti ma decisamente importanti Cultes Des Ghoules, nella costruzione di tracce epiche  e annichilenti. Il problema è che, pur in una ricerca sonora più approfondita, si perde completamente per strada l’immediatezza che caratterizzava i loro esordi. Il grosso limite di questo lavoro, infatti, senza voler passare da frettolosi e  disattenti millenials, è purtroppo nella durata complessiva dell’album; “Intra Noaos” gode sicuramente di sprazzi evocativi e di ottima scrittura lungo tutti i sei brani che lo compongono, ma una durata media appena sotto i venti minuti e un’eccesiva omogeneità di fondo rendono l’ascolto pesante: a fronte di un approccio monolitico e devastante, mancano completamente midtempo o variazioni in grado di tenere vivo l’interesse, tranne forse in due episodi del secondo disco, ossia “Cosmic Thule, Inner Temple” e “Through Flickering Stars, They Seep”; ma quando arriviamo da quelle parti è già passata oltre un’ora, che sommata alla lunga attesa, non permette di andare oltre a una sufficienza determinata giusto dalla buona qualità dei musicisti coinvolti.

TRACKLIST

  1. Adgnosco Veteris Vestigia Flammae
  2. She Weaves Abyssal Riddles And Eorthean Gates
  3. Behind Stellar Angles II
  4. Cosmic Thule, Inner Temple
  5. Subcosmos Archetypes
  6. Through Flickering Stars, They Seep
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.