ALTARAGE – The Approaching Roar

Pubblicato il 22/01/2019 da
voto
7.5
  • Band: ALTARAGE
  • Durata: 00:42:32
  • Disponibile dal: 25/01/2019
  • Etichetta: Season Of Mist
  • Distributore: Audioglobe

La ricerca di una sintesi tra la potenza del death metal tradizionale e la tensione verso l’ignoto di alcuni totem affermatisi sulla scena negli anni Duemila è sempre stata la spinta interiore del progetto Altarage. Morbid Angel da un lato, Portal, Impetuous Ritual e Dragged Into Sunlight dall’altro, per un suono ottenebrante volto a disturbare la psiche e a trascinarla con sé in un gorgo senza fine.
Analogie e definizioni che trovano nuove conferme in quello che è il terzo full-length licenziato dal gruppo nel giro di quattro anni, a dimostrazione di una creatività tanto vulcanica quanto – apparentemente – immune a cali di tipo qualitativo, in cui il concetto di riff è forza trascinante e non mero accompagnamento della suddetta vena sperimentale. “The Approaching Roar” si inserisce appieno nel solco tracciato dai capitoli precedenti, riprendendone i diktat stilistici e differenziandosene solo per la cura riposta nei suoni e per un incedere ritmico più dilatato, che porta i vari episodi a sfiorare frequentemente i sei-sette minuti di durata (una sorta di record per il terzetto).
Se è vero quindi che l’effetto sorpresa generato da questo flusso di chitarre lanciate a mo’ di tornado, contrazioni epilettiche e growling vocals dall’abisso è ormai scemato fino a diventare consuetudine, è altrettanto vero che il songwriting continua a manifestare una rara efficacia e compattezza, grazie appunto al senso logico che ne pervade gli sviluppi apocalittici. Laddove molti nel genere perseguono una via del caos stucchevole e pretenziosa, in cui l’illogicità delle strutture maschera dei sostanziali limiti compositivi, gli Altarage si fanno sempre segnalare come una realtà concreta, attenta a trasfigurare i propri incubi in brani dal fine ultimo preciso, sia esso stritolare l’ascoltatore in un vortice concentrico (“Hieroglyphic Certainty”, “Inhabitant”) o annientarlo sotto i colpi di un maglio implacabile (“Knowledge”, “Cyclopean Clash”), finendo per creare un punto di contatto tangibile con il mix di pericolosità e alienazione di Horror Illogium e compagni.
Nuovo salto nelle tenebre, ennesimo centro messo a segno, per una formazione che è ormai impossibile ignorare all’interno del circuito underground europeo.

TRACKLIST

  1. Sighting
  2. Knowledge
  3. Urn
  4. Hieroglyphic Certainty
  5. Cyclopean Clash
  6. Inhabitant
  7. Chaworos Sephelln
  8. Werbuild
  9. Engineer
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.