ALTER BRIDGE – Walk The Sky

Pubblicato il 21/10/2019 da
voto
7.0
  • Band: ALTER BRIDGE
  • Durata: 01:00:18
  • Disponibile dal: 18/10/2019
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

Sono passati ormai quindici anni da quando, dalle ceneri dei Creed, nacquero gli Alter Bridge con l’indimenticabile “One Day Remains”, seguito negli anni successivi da un’altra dozzina di album della premiata coppia Tremonti & Kennedy (contando, oltre alla band principale, i progetti paralleli di entrambi, per tacere dei numerosissimi live e raccolte). Tanta fertilità discografica, anche nel caso di artisti talentuosi come Mark & Myles, rischia di compromettere la qualità, e in effetti il penultimo “The Last Hero” mostrava un po’ la corda, lasciando presagire, vista anche la tracklist particolarmente ricca, un altro lavoro all’insegna del ‘potrei ma non voglio’. In realtà, dopo numerosi ascolti, possiamo definire “Walk The Sky” come un disco di transizione, vedendolo come un ponte verso il futuro (visione ottimista) o uno sguardo allo specchietto retrovisore (versione pessimista). Nello specifico, dopo la breve intro “One Life”, la scaletta si divide di fatto in due filoni: da un lato i ‘classici’ pezzi in stile Alter Bridge, nella versione più heavy (“Wouldn’t You Rather”), anthemica (“Take The Crown”), romantica (“The Bitter End”) o epica (“Walking On The Sky”). Dall’altra, brani più ‘sperimentali’, che partono dal rock ’n roll (“In The Deep”) e dall’hard-rock (“Godspeed”) per arrivare a richiamare in qualche passaggio perfino atmosfere industrial (“Indoctrination”), horror-soundtrack (“Pay No Mind”) o space rock (“Dying Light”), con un minimo comune denominatore dato dal più marcato utilizzo di tastiere ed arrangiamenti. Peccato per qualche filler di troppo (“Native Son”, “The Bitter End”), mentre è un piacere ritrovare Mark dietro al microfono (“Forever Falling”) così come rivivere l’energia melodica con cui all’epoca abbiamo conosciuto Myles nella più solare “Tear Us Apart”. Tirando le somme di un disco eterogeneo come pochi, dove lo yin e lo yang di cantante e chitarrista si accoppiano in diverse posizioni, possiamo definire “Walk The Sky” come un lavoro superiore al suo predecessore e decisamente coraggioso nelle intenzioni, anche se forse un po’ troppo pretenzioso nella durata e comunque inferiore ai capolavori del passato, da “Blackbird” a “Fortress”. Vista la mole dei progetti paralleli, e in attesa di vedere dove li porterà questa evoluzione, poteva andare decisamente peggio.

TRACKLIST

  1. One Life
  2. Wouldn’t You Rather
  3. In The Deep
  4. Godspeed
  5. Native Son
  6. Take The Crown
  7. Indoctrination
  8. The Bitter End
  9. Pay No Mind
  10. Forever Falling
  11. Clear Horizon
  12. Walking On The Sky
  13. Tear Us Apart
  14. Dying Light
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.