AMERICAN HEARTBREAK – Postcards From Hell – You Will Not Be Getting Paid!

Pubblicato il 03/01/2005 da
voto
7.5
  • Band: AMERICAN HEARTBREAK
  • Durata: 01:45:59
  • Disponibile dal: 15/11/2004
  • Etichetta: People Like You
  • Distributore: Self

Stuzzicante doppio full length (per giunta disponibile in edizione limitata!) del five piece statunitense che ci regala, in due ore scarse, delle ottime rock’n’roll song. Nel primo cd è presente il debut album “Postcards From Hell” uscito nel 2000, il quale si dimostra un lavoro privo di fronzoli e carico di energia pronta ad esplodere nelle beneamate e usurate casse del nostro amato impianto hi-fi. Tra le highlight del disco va certamente segnalata l’opener “Superstar” che, in poco più di due minuti, riesce a far convivere armoniosamente urgenti guitar riff fusi con la grintosa performance vocale di Lance Boone, singer che si dimostra all’altezza del compito in tutte le canzoni presenti. “White Girl” trova il suo punto di forza nel refrain appiccicoso come un bubblegum, mentre “Drinks” erutta riff “crunchy” a volontà elaborati e scagliati dai due instancabili ed ispirati chitarristi Billy Rowe e Casey Crenshaw sul muro ritmico eretto dal bassista Michael Butler e il batterista Johnny Cruz. “Please Kill Me” è una song ben elaborata che vanta un buon guitar solo, ispirate melodie vocali e un drumming vario e mai monotono così come i seguenti brani che non denotano alcun calo di tono, risultando sempre coinvolgenti e musicalmente ben costruite. L’ultima cartolina sonora proveniente dall’Inferno assume il nome della titletrack, squisitamente classic rock al cento per cento. Come ghost track troviamo una piacevolissima sorpresa: ossia “Trash” dei New York Dolls, tanto gradito quanto doveroso omaggio a uno dei gruppi meno conosciuti ma decisamente fondamentali per l’evoluzione di una certa frangia più oltraggiosa e ambigua del punk rock’n’roll. Il secondo cd è sostanzialmente un contenitore di chicche per i die hard fan, dove troviamo brani live, acustici e il remix dell’ep “What You Deserve” uscito nel 2003. Buona la prova della band on stage, capace di offrire una performance riuscita, grazie al giusto mix di grinta e fun, evidenziato dall’adrenalinica “I Wish You Were D.E.A.D.” e dall’urgente “Superstar”. Notevole, anche la resa delle tracce acustiche che mostrano al pubblico la parte più intimistica della band, capace comunque di dare il giusto nerbo alle canzoni, evitando l’infausta conseguenza di renderle stucchevoli e prive di spina dorsale. Chiaramente, non ci sono evidenti novità stilistiche per quanto riguarda le canzoni contenute nell’EP, anche se possiamo notare qualche leggero cedimento compositivo. “Methadone Baby” ha un refrain alquanto zoppicante, mentre si torna su binari sicuri nella veloce “Wishing Well” e nell’orecchiabile “Another Wasted Day”. Infine, per chi non fosse ancora sazio, sono presenti i videoclip di “Postcards From Hell” e “Rotten Apple”, che ritraggono la band in azione sul palco. Un prodotto da non perdere per chi non ne ha mai abbastanza del rock’n’roll!

TRACKLIST

  1. Superstar
  2. White Girl
  3. Drinks
  4. Too Beautiful
  5. Please Kill Me
  6. Brain Vacation
  7. Dead At Seventeen
  8. Seven Time Loser
  9. Not Alright
  10. 4 A. M.
  11. Arm Candy
  12. Idiots On Parade
  13. I Wish You Were (Dead)
  14. Angeline
  15. Postcards From Hell
  16. Postcards From Hell (Video)
  17. Rotten Apple (video)
  18. I Wish You Were (Dead) (Live)
  19. Rotten Apple (Live)
  20. Superstar (Live)
  21. Brain Vacation (Live)
  22. Angeline (Live)
  23. Another Wasted Day (Acoustic)
  24. Come On, Come On (Acoustic)
  25. Dead At Seventeen (Acoustic)
  26. Outfit (Acoustic)
  27. Postcards From Hell (Acoustic)
  28. Methadone Baby
  29. Richey James
  30. Wishing Well
  31. Another Wasted Day
  32. Condemned
  33. Nobody Likes Me
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.