AN AUTUMN FOR CRIPPLED CHILDREN – Try Not To Destroy Everything You Love

Pubblicato il 06/12/2013 da
voto
7.0

Come molti altri artisti contemporanei del panorama “post” black metal, anche gli An Autumn For Crippled Children trovano da sempre fonte di ispirazione e modelli nei filoni shoegaze e post punk. Un vero e proprio atto di amore e di nostalgia verso un’epoca per certi versi irripetibile che con il nuovo “Try Not To Destroy Everything You Love” giunge però a definitivo compimento. Al quarto full-length, infatti, il gruppo olandese non prova neppure a far finta di avere ancora qualcosa a che fare con il metal: voce a parte – che come al solito si configura in un acido screaming – la musica è ormai un inequivocabile amalgama di shoegaze, post punk e dark wave, costruito su effettistica enorme, chitarre sempre più zanzarose e un basso pulsante e deciso. A livello di sensazioni, “Try Not…” è malinconia pura: un flusso nostalgico che si snoda attraverso nove tracce dalle strutture appena abbozzate, in cui dominano le tastiere di TXT e MXM, fulcro evidente dell’intero lavoro. Queste ultime coprono letteralmente tutto il resto dell’afflato sonoro, duellando tra loro e imponendosi come sole, vere protagoniste delle composizioni. In passato la band aveva cercato un compromesso più equilibrato tra i vari elementi, concedendo più respiro e ponendo maggiore attenzione a concetti come strofa e chorus. Qui invece pare dominare la ciclicità e un’idea di album più vicina alla suite o al concept. Si sarà quindi capito che ci troviamo di fronte a un disco di non facilissima fruizione: i brani si assomigliano molto tra loro e, se il cantato non fosse presente, si potrebbe quasi avere l’impressione di essere di fronte a una serie di brevi colonne sonore per dei cortometraggi decadenti. Tuttavia, non mancano i momenti di fascino e soprattutto di tenerezza: gli An Autumn For Crippled Children, d’altronde, sono sì musicisti bizzarri e inquieti, ma anche una band sempre piuttosto ispirata, che con quest’opera manifesta nuovamente un amore sincero per tutto ciò che è malinconico. Chi ha apprezzato i lavori precedenti troverà senz’altro anche qui almeno qualche spunto di proprio gradimento.

TRACKLIST

  1. Autumn Again
  2. The Woods Are On Fire
  3. Never Complete
  4. Try Not To Destroy Everything You Love
  5. Hearts of Light
  6. Sepia Mountains For Her Lament
  7. Closer
  8. Avoiding Winter
  9. Starlit Spirits
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.