ANAAL NATHRAKH – Domine Non Es Dignus

Pubblicato il 21/11/2004 da
voto
7.0
  • Band: ANAAL NATHRAKH
  • Durata: 00:41:29
  • Disponibile dal: 01/11/2004
  • Etichetta: Season Of Mist
  • Distributore: Audioglobe

Strano album, questo degli Anaal Nathrakh. A pensarci bene questi inglesi sono sempre stati strani, anzi, malati. Il loro primo demo si apriva con la famosa formula magica pronunciata dal mago Merlino: ‘Anaal nathrakh…’, ma qualcosa in quell’incantesimo non deve essere andato per il verso giusto. La band si è fatta una buona fama nell’underground black metal più estremo, grazie ad uno sound molto simile a quello dei nostrani Aborym, al quale questi inglesi aggiungono una dose di pazzia e un cantato schizzato non da poco. Dopo il devastante “The Codex Necro”, eccoli ritornare con “Domine Non Es Dignus”, un album che seppur non altera le cellule impazzite della band, trasforma tuttavia alcuni dei suoi punti cardine nel songwriting. La novità è rappresentata dalla pesante irruzione degli elementi death metal in un gruppo che prima in pratica non ne possedeva e che al limite inclinava di tanto in tanto verso un black/thrash molto nevrotico. Ora il riffing prevalentemente death e una produzione valida e limpida cambia, e non di poco, l’atmosfera malata respirata in passato ascoltando i lavori di questi matti albionici. Ad ogni modo si sente che sono sempre gli Anaal Nathrakh a suonare, perchè il cantato è sempre e comunque schizofrenico, la musica è tiratissima e presenta momenti industrial gettati a tutta velocità sopra alle sparate black metal. A parte un paio di episodi davvero poco significativi, il cd in generale è valido, soprattutto nella parte finale, ma anche con le prime tre canzoni che hanno tutte una particolarità interessante e da scoprire. Il meglio però, come si diceva, si trova nelle ultime tre canzoni dell’album, perché qui “Swallow The World” riporta in auge lo stile tutto particolare che ha reso celebri gli Anaal Nathrakh quel tanto che basta: un concentrato di odio, pazzia, di tonnellate metal che viaggiano a velocità incredibili e di suoni industrial raggelanti. Di sicuro questo è il miglior capitolo dell’intera release. Molto interessante anche il gioco alternato di riff in “This Cannot Be The End”, che in più può contare su un valido ritornello e un finale fuori dagli schemi. La fine dell’ascolto lascia il fruitore semi estasiato, ma c’è il rischio di dimenticarsi troppo in fretta alcuni pericolosi passi a vuoto compiuti nella parte centrale della release dalla band. Per questo si può parlare di un buon album che guarda al futuro, ma non c’è la tanto esplosione definitiva che forse tutti gli appassionati di questo genere estremo aspettavano. Ad ogni modo, si tratta di un album da consigliare a chi ascolta il metal estremo nichilista.

TRACKLIST

  1. I wish I could vomit blood on you... ...people
  2. The Oblivion Gene
  3. Do Not Speak
  4. Procreation Of The Wretched
  5. To Err is Human, To Dream - Futile
  6. Revaluation Of All Values
  7. The Final Destruction Of Dignity
  8. Swallow The World
  9. This Cannot Be The End
  10. Rage, Rage Against The Dying Of The Light
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.