ANATHEMA – Weather Systems

Pubblicato il 24/04/2012 da
voto
8.0
  • Band: ANATHEMA
  • Durata: 00:55:45
  • Disponibile dal: 16/04/2012
  • Etichetta: Kscope Music
  • Distributore: Audioglobe

Lasciato alle spalle un periodo di aridità compositiva che aveva minato il futuro della band, gli Anathema sembrano vogliosi di recuperare il tempo perduto e sfruttare il momento positivo derivante dall’ottimo ritorno a titolo “We’re Here, Because We’re Here”, targato 2010. Il nuovo “Weather Systems” riprende la svolta art e post rock della succitata release, incorporando la vena sinfonica della parentesi “Falling Deeper” (discussa pubblicazione dello scorso anno in cui la band ripropone classici del passato in una rinnovata veste orchestrale), grazie all’abbondante utilizzo di archi ed orchestrazioni in genere, con una minor incidenza della componente progressiva. L’attuale formula compositiva degli Anathema è piuttosto semplice, basata su crescendo emotivi, in cui un inizio minimalista esplode gradualmente aumentando l’intensità generale, più che apportare variazioni al tema principale; anche se non mancano frangenti in cui il gruppo anglosassone sviluppa pezzi più dilatati e progressivi, come l’ottima “The Storm Before The Calm”, introdotta da una disturbante parte iniziale non immune da inserti electro,  che lascia spazio al finale sinfonico, trionfale, dal retrogusto epico. Il grigio e il nero del passato sono ormai un pallido ricordo che i fratelli Cavanagh sembrano ormai aver riposto in un cassetto, a favore dell’azzurro velato in copertina e delle atmosfere ben più ariose e rilassate riscontrate nelle esplicite “Lightning Song” e “Sunlight”. “Weather Systems” denota grande continuità nel songwriting, mostrando subito il lato migliore di sé con la splendida “Untouchable Pt.1”, le cui intense linee melodiche vengono riprese dalla successiva “Pt.2”, in una nuova veste altrettanto riuscita, che valorizza il duetto vocale tra Vincent Cavanagh e Lee Douglas, ma sa regalare emozioni fino in fondo – si pensa al nuovo e futuro classico “The Beginning And The End”, ad esempio. La sezione ritmica, come accadde nel pluricitato “We’re Here Because We’re Here”, funge da mero supporto, limitandosi a scandire il ritmo del crescendo in maniera talvolta sin troppo scolastica e invisibile: una scelta atta a valorizzare ancor di più i bellissimi intrecci melodici tra chitarre e tastiere, che tuttavia non sempre convince a pieno. Gli Anathema sono una band che ha sempre mutato pelle nel corso della propria carriera, “Weather” Systems” continua in maniera convincente l’inesorabile processo evolutivo della formazione, che mantiene il comune denominatore di sempre: le emozioni, qualunque esse siano, sempre al di sopra di tutto.

TRACKLIST

  1. Untouchable, Part 1
  2. Untouchable, Part 2
  3. The Gathering Of The Clouds
  4. Lightning Song
  5. Sunlight
  6. The Storm Before The Calm
  7. The Beginning And The End
  8. The Lost Child
  9. Internal Landscapes
2 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.