ANCILLOTTI – The Chain Goes On

Pubblicato il 04/03/2014 da
voto
8.5
  • Band: ANCILLOTTI
  • Durata: 00:52:13
  • Disponibile dal: 28/02/2014
  • Etichetta: Pure Steel Records
  • Distributore:

A fine 2012 usciva “Down This Road Together”, un EP di soli quattro brani con cui gli Ancillotti si presentavano al grande pubblico italiano. A poco più di un anno di distanza, dopo un’intensa attività live anche a fianco di grandi nomi come gli Uriah Heep, la formazione si ripresenta con il disco ufficiale di debutto. “The Chain Goes On” è un full length di heavy metal squisitamente old school, dal sound diretto e naturale, privo di tutti quegli eccessivi abbellimenti pomposi  tanto in voga nelle produzioni odierne. Si precepisce una potente atmosfera “live” durante l’ascolto. Ritmi tribali introducono “Bang Your Head” , brano scelto per il primo video degli Ancillotti. Il pezzo è una bordata metallica suonata a tutta velocità e il solido muro ritmico di chitarra, basso e batteria  permette a Bud Ancillotti di tuonare al microfono. “Cyberland”, sempre veloce ma meno rabbiosa, si fa apprezzare per un ritornello che rimane in testa sin dal primo ascolto. Con “Victims Of The Future”, gli Ancillotti presentano invece un pezzo dalle atmosfere epiche, struggenti e se vogliamo malinconiche, a causa del testo drammatico incentrato sugli orrori della guerra. Come non citare poi l’inno per eccellenza della band: “Legacy Of Rock” è un mid tempo a metà tra Accept e Saxon in cui viene esaltato tutto l’amore per la musica rock, un vero testo sacro che ai concerti fa sempre breccia nel cuore dei fan. “The Chain Goes On” contiene brani variegati come l’ozzyana “Money” oppure “Liar” dal sound squisitamente Thin Lizzy. Non mancano nemmeno bordate più hard rock come “Devil Inside”, scritta dal batterista Brian Ancillotti. Si tratta di uno fra gli episodi più riusciti del disco, perchè ha tiro, coinvolge e spara nelle vene una dose letale di adrenalina. Ci avviciniamo alla fine, ma la devastante “Warrior” non lascia respiro. Così come per il pezzo iniziale, “Warrior” pesta a tutta velocità, l’heavy metal vecchia scuola non tradisce mai. La ballad “Sunrise” chiude il disco all’insegna di atmosfere delicate e toccanti. Bud sfodera una performance molto calda e coinvolgente, insieme al chitarrista Ciano, che riesce a toccare il cuore di chi sta all’ascolto con i suoi assoli di grande gusto e intensità. Visto i musicisti coinvolti negli Ancillotti, sarebbe facile scadere in scontati confronti con Strana Officina o Bud Tribe, ma “The Chain Goes On” mostra una band dall’identità propria, con un sound proprio e soprattutto con tutte le carte in regola per ottenere grandi soddisfazioni soltanto con le proprie forze, senza doversi per forza confrontare con i nomi citati. La prima parte del 2014 si apre con un gran disco di una nuova e importante realtà tutta italiana.

TRACKLIST

  1. Bang Your Head
  2. Cyberland
  3. Victims Of The Future
  4. Monkey
  5. Legacy Of Rock
  6. Liar
  7. I Don’t Wanna Know
  8. Devil Inside
  9. Warrior
  10. Sunrise
  11. Living For The Night Time (Bonus Track)
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.