ANEMA – After The Sea

Pubblicato il 27/03/2017 da
voto
7.0
  • Band: ANEMA
  • Durata: 00:35:00
  • Disponibile dal: 17/02/2017
  • Etichetta: Sliptrick Records
  • Distributore: Masterpiece

Gli Anèma si formano nel 2015 suonando inizialmente cover, con un repertorio che spazia dagli anni ’70 sino ai nostri giorni, ampliato poi dalla stesura di pezzi propri, che culminano in questo loro primo full-length, intitolato “After The Sea”. Il mare a cui si riferisce il titolo è il Mediterraneo, attraversato purtroppo, come è noto, da migliaia di profughi che scappano dal proprio paese, ignari di quello che troveranno davvero dopo questa drammatica traversata: un tema a cui gli Anèma, da buoni siciliani, non sono certo indifferenti, al punto da dedicare a tale argomento il concept alla base dell’album. Le influenze della band sono davvero tante, ma hanno indubbiamente un ruolo preponderante nel disco le sonorità progressive, che vanno dal classico prog rock settantiano (Genesis soprattutto, ma anche il prog italiano) fino al metal prog: sotto quest’ultimo aspetto, emblematiche sono specialmente la title track e “This Place Needs Revolution”, due tracce nelle quali, con risultati apprezzabili, emerge il lato più duro della band; diverso il discorso per “Let The Sky In The Mainland”, pezzo che, con le sue sue chitarre ribassate e i suoi riff decisi, è pure alquanto aggressivo, ma con influenze di stampo nu metal che sinceramente non ci convincono granchè. L’album è comunque in effetti alquanto eterogeneo ma è opportuno evidenziare come la band ami proporre spesso e volentieri squisite melodie e passaggi atmosferici assai suggestivi: in tal senso, citiamo, in particolare, “She” (per la quale il gruppo siciliano ha realizzato anche un bel video) e “Some Fires”; pure melodiche, ma più orientate invece verso il prog con un tocco di fusion, sono “Free Forever” e “Song For Nothing”. In conclusione, “After The Sea” è un disco con diversi spunti interessanti e per nulla scontato, che riesce altresì ad incantare e ad emozionare, senza mai cedere il passo a sterili virtuosismi. A nostro avviso, tuttavia, l’eterogeneità che caratterizza l’album non sempre rappresenta un punto a favore, perchè talvolta comporta una varietà di stili e di toni che potrebbe disorientare l’ascoltatore: ad esempio, qualche pezzo è metal, ma non si può dire che queste sonorità siano preponderanti nel disco, così come dicevamo che sono presenti elementi di prog settantiano o di fusion, ma neppure si potrebbe considerare “After The Sea” un disco realmente concepito in questi termini. La sensazione è cioè che, piuttosto che fondere le proprie diverse influenze, per quanto disparate possano essere, all’interno del proprio stile, gli Anèma preferiscano farle convivere, esaltando di volta in volta, in ogni singolo brano, alcuni aspetti del proprio sound piuttosto che altri. Naturalmente,non è sempre così e forse una traccia come “She” è quella dove maggiormente la band riesce a convogliare meglio le diverse sfaccettature del proprio sound. Per chiarezza, ci teniamo a ribadire che con “After The Sea” gli Anèma dimostrano di sapere il fatto loro e la loro proposta ci ha più volte affascinati durante l’ascolto del disco. Riteniamo però che la band abbia tutte le potenzialità per fare un ulteriore passo in avanti e rielaborare in maniera più lucida e ragionata (senza per questo perdere in spontaneità) le proprie influenze e le proprie idee. Si tratta comunque di un album di debutto assai valido, che rappresenta un ottimo biglietto da visita per la band, nonchè un buon punto di partenza per poter affinare ulteriormente tutte le proprie qualità.

TRACKLIST

  1. Intro
  2. After The Sea
  3. She
  4. Free Forever
  5. Some Fires
  6. Let The Sky In The Mainland
  7. Song For Nothing
  8. This Place Needs Revolution
  9. Outro
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.