ANGEL BLAKE – The Descended

Pubblicato il 20/09/2008 da
voto
6.0
  • Band: ANGEL BLAKE
  • Durata: 00:46:31
  • Disponibile dal: 26/05/2008
  • Etichetta:
  • Dynamic Arts Records
  • Distributore: Masterpiece

Spotify:

Apple Music:

E’ vero che molti indizi non fanno una prova, ma mettendoli insieme viene perlomeno il dubbio che gli Angel Blake ormai non siano più una priorità per il buon Marko Tervonen. Andiamo con ordine: dopo che il primo album, sulla scia del successo dei The Crown, era uscito come una priorità della Metal Blade, Tervonen aveva messo su una line up discreta per i suoi Angel Blake. Il fenomenale singer Tony Jelencovich però gira i tacchi quasi subito ed il suo posto viene preso dal meno dotato Tobias Jansson. La Metal Blade, nel frattempo, si accorge che la band non è andata così bene come avrebbe dovuto e come risultato di tutto ciò il buon Marko è costretto ad accasarsi presso la piccola label finlandese Dynamic Arts. A seguito di tutto ciò è di pochi mesi fa la notizia del ritorno dei The Crown sotto mentite spoglie e con il nuovo monicker Dobermann. Se a tutto questo si aggiunge che questo nuovo “The Descended” non è certo quel discone che servirebbe a rilanciare una carriera già in bilico dopo solo un album allora il quadro è completo. Venendo al lavoro, la prima differenza che salta all’orecchio è il cambio di vocalist: il nuovo Jansson è un singer piuttosto buono ma, a differenza del suo predecessore, ha una timbrica molto meno particolare e perfettamente inquadrabile in campo power heavy. Questo fa sì che anche le composizioni risentano del cambio, risultando oltremodo melodiche. Tobias Jansson si impegna ad incattivire l’ugola, ma tentare di battere Jelencovich sul suo terreno è sfida ardua per chiunque. Le dieci tracce contenute nell’album non si discostano più di tanto da quanto fatto sull’esordio: stiamo parlando di un heavy metal cupo ed oscuro sulla falsariga dei Metallica del black album e dei Kreator di “Endorama”, con un appeal melodico se possibile superiore a quei due lavori. Da salvare ci sono il piglio catchy di “Anywhere But Here”, il riffing di “Wasn’t Meant To last” (da dimenticare però il cantato simil Danzig nella strofa) e, più in generale, il mood darkeggiante di quasi tutte le tracce. Un po’ poco però per promuovere gli Angel Blake. Ora largo ai Dobermann per favore.

TRACKLIST

  1. Anywhere But Here
  2. Defenseless
  3. Again
  4. When All The Lights Are Out
  5. Alone
  6. Wasn't Meant To Last
  7. In Silence - Augerum
  8. The Descended
  9. Silent Voice
  10. You'll Never Need To Feel Again
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.