ANNIHILATOR – Ballistic, Sadistic

Pubblicato il 22/01/2020 da
voto
6.5
  • Band: ANNIHILATOR
  • Durata: 00:43:13
  • Disponibile dal: 24/01/2020
  • Etichetta: Silver Lining
  • Distributore:

Spotify:

Apple Music:

Se alcune ultime pubblicazioni degli Annihilator potevano non sembrare del tutto all’altezza di un nome dalla portata decisamente prestigiosa, con “Ballistic, Sadistic” Jeff Waters vuole chiaramente occupare ancora quel posto nella storia del thrash metal che gli spetterebbe di diritto. Ed ecco dunque un album potente, aggressivo, che cerca costantemente un grado di ‘purezza’ per proporre una serie di brani thrash che più thrash non si può, senza fronzoli – e con una massiccia dose di recuperi stilistici presi in lungo e in largo tra la discografia della band: dai riff che cercano un impatto crudo e coinvolgente come quelli dei grandi classici “Alice In Hell” o “Never, Neverland”, passando per il groove che ricorda i risultati altalenanti di “Set The World On Fire” e “All For You”, fino allo speed più moderno che si riaggancia a fatiche più recenti come “Feast” e “Metal”.
Waters ha registrato l’album praticamente da solo, con l’ausilio soltanto del giovanissimo batterista italiano Fabio Alessandrini, come a voler dimostrare che lui sì che  sa ancora come comporre pezzi capaci di far scatenare l’headbanging o il pogo più selvaggio. Il risultato è, in certi momenti, davvero sorprendente per la ferocia autentica, per la pulsione metallica quasi giovanilistica iniettata di rabbia e tecnica, energia e perizia. È per questo che è una vera delusione constatare l’altalenante qualità dei brani che vanno a costituire “Ballistic, Sadistic”: nei momenti più riusciti si rasentano le soglie del capolavoro, per poi però scivolare in momenti che sanno troppo di riempitivo perché palesemente frutto del tedioso ‘mestiere’.
L’opener “Armed To The Teeth” è, parafrasando il titolo, una piacevolissima mazzata sui denti, composta con semplicità, energia e dall’ottimo groove (e con anche ritornello che rimane bene in testa); il primo singolo “I Am Warfare” è un perfetto esempio di fresco thrash metal, un brano compatto e potente dove, tra riff sempre al fulmicotone, soli velocissimi e un pesante breakdown, si espongono al meglio le capacità di Waters; “Psycho Ward” è forse il miglior brano del lotto, capace di dosare perfettamente riferimenti alla vecchia scuola del genere e alle nuove tendenze del metal moderno, con uno spettacolare frangente in cui si sposano clean guitars riverberate dal gusto ottantiano a un riffing melodico che ricorda i Trivium (lo stesso espediente si trova in “Lip Service”), confermando la grande attenzione di Waters verso il panorama musicale circostante e le doti tecniche davvero in grandissimo spolvero. Purtroppo la seconda metà dell’album è costellata invece da brani più piatti come “One Wrong Move” o addirittura prevedibili come “Dressed Up For Evil” e “The End Of The Lie”, che sembrano quasi confondersi l’uno con l’altro, ripetendo in una sorta di automatismo strutture e scelte compositive figlie della più che consolidata esperienza di Waters, ma svuotate dal feroce estro che connota i brani iniziali.
Si perde così la compattezza che renderebbe questo “Ballistic, Sadistic” un vero gioiello, consegnandoci invece un buon lavoro con momenti decisamente eccellenti ma che non riesce a reggere la durata del full-length. Un album assolutamente da ascoltare comunque, sia per i fan della band che per gli amanti del thrash più puro: l’esecuzione e la produzione realizzati da Jeff Waters sono di altissimo livello e, tutto sommato, è un ascolto veramente piacevole. Forse non resterà nel tempo, ma ad ogni modo frutto di un musicista enorme che dimostra di avere ancora qualcosa da dire.

TRACKLIST

  1. Armed To The Teeth
  2. The Attitude
  3. Psycho Ward
  4. I Am Warfare
  5. Out With The Garbage
  6. Dressed Up For Evil
  7. Riot
  8. One Wrong Move
  9. Lip Service
  10. The End Of The Lie
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.