ANNIHILATOR – Waking The Fury

Pubblicato il 12/03/2002 da
voto
8
  • Band: ANNIHILATOR
  • Durata:
  • Disponibile dal: //2002
  • Etichetta:
  • Distributore: Audioglobe

Mai titolo fu più azzeccato! Gia’ perchè di furioso questo album ha davvero molto, senza tradire pero’ i tipici riff in stile Annihilator. Ma andiamo con ordine: “Waking The Fury” ha diverse particolarita’ che vanno menzionate. Come ormai da tradizione, anche questo album vede alcuni cambi di line-up: Curran Murphy (ex-Nevermore) sostituisce Dave Scott Davis alla chitarra e Randy Black, gia’ batterista della band tra il ’93 e il ’97 ha invece preso posto di Ray Hartmann. E fin qui nulla di nuovo; per la prima volta pero’ “mastro” Jeff Waters ha permesso a Russ Bergquist di suonare tutte le parti di basso sull’album ed a Curran di registrare alcuni assoli.
Inoltre se togliamo lo stesso Jeff Waters non è mai capitato che un cantante restasse per più di un album nella band. Fin dalle prime note si capisce come Jeff abbia voluto “appesantire” parecchio il sound: riff taglientissimi che si susseguono veloci caratterizzano gran parte delle canzoni. Il lavoro che poi Joe Comeau (alla voce) fa nell’intero album è a dir poco fantastico, preciso ed aggressivo. In questo senso rispetto al precedente album “Carnival Diablos” Joe si è mantenuto su uno stile suo proprio, senza più inserire parti che ricordano Bruce Dickinson ad esempio. Non manca comunque la track “tributo” agli AC/DC, “Nothing To Me” davvero apprezzabile e probabilmente più di presa rispetto alla precedente “Shallow Grave” anche in un’eventuale esecuzione dal vivo. Nonostante la maniera di suonare decisamente più aggressiva l’impronta di Jeff Waters si riconosce sempre in riff che comunque non perdono tratti melodici davvero gustosi in particolare nelle track centrali dell’album, caratterizzate da diverse parti mid-tempo che lasciano un po’ di respiro all’ascoltatore. Davvero belli come sempre anche gli assoli di chitarra: anche Curran se la cava bene! Peccato che di parti acustiche ci sia solamente l’introduzione di “Nothing To Me” ma evidentemente questo album è stato pensato da Jeff per fare parecchia presa soprattutto suonato dal vivo e non ha lasciato praticamente nessuno spazio a ballad e canzoni lente. La botta finale ce la da’ l’ultima track “Cold Blooded” velocissima e violentissima, da non riuscire a rimanere fermi! E’ prevista poi una bonus track sia per il mercato Giapponese che per quello Europeo e dovrebbe essere una canzone registrata live durante il tour dello scorso anno. Una necessaria menzione a parte riguarda il suono di chitarra adottato nell’album: come ci aveva anticipato Mr. Waters si tratta di qualcosa totalmente nuovo. In effetti Jeff si è avvalso per la registrazione di un equipaggiamento del tutto digitale per le distorsioni, ottenendo un suono davvero particolare. Sono sicuro che cio’ fara storcere il naso ai maniaci dell’analogico ed effettivamente sono necessari alcuni minuti di ascolto per abituarsi ai nuovi suoni. Si sa che comunque Jeff adora queste cose (prendete l’album Remains ad esempio ed ascoltate cio’ che ha combinato con la Drum Machine!) ed in ogni caso i riff di chitarra in se sono davvero apprezzabili. “Waking The Fury” è un album molto interessante: non prende subito come il precedente “Carnival Diablos”, ma dopo qualche ascolto non potrete farne a meno. Aggressivo e moderno, la giusta evoluzione della band ed in questo senso pare che l’ispirazione per Jeff Waters e l’ormai consolidato Joe Comeau non abbia mai fine! Da non perdere!

TRACKLIST

  1. Ultra Motion
  2. Torn
  3. My Precious Lunatic Asylum
  4. Striker
  5. Ritual
  6. Prime-Time Killing
  7. The Blackest Day
  8. Nothing To Me
  9. Fire Power
  10. Cold Blooded
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.