ANTICLOCKWISE – Rise Your Head

Pubblicato il 04/02/2017 da
voto
7.0
  • Band: ANTICLOCKWISE
  • Durata: 00:40:39
  • Disponibile dal: 16/12/2016
  • Etichetta:
  • Revalve Records
  • Distributore: Masterpiece

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Descrivere il sound dei bergamaschi Anticlockwise non è un compito particolarmente difficile: se avete in mente come suona un qualsiasi album dei Nevermore, e magari ne avete nostalgia, ecco che avrete già un’idea abbastanza precisa di come suoni “Rise Your Head” che, tanto per fugare ogni dubbio, è comunque una release che merita più di una possibilità. Un riffing di matrice progressive thrash, vocals evocative e teatrali, molto vicine per intenti e intensità al miglior Warrel Dane, una fase ritmica martellante e groovy, brani dall’appeal ora epico, ora crepuscolare, ispiratissime linee melodiche e via discorrendo sono le caratteristiche principali del sound degli Anticlockwise. Questi ragazzi hanno confezionato un album professionale, sia dal punto di vista tecnico e strumentale che del punto di vista della produzione: pulita, compatta e decisamente appropriata per loro. Il songwriting è indubbiamente ispirato, le canzoni godono di un’intensità e un’ispirazione non comuni e scontate, come dicevamo, le linee melodiche in particolar modo sono toccanti e passionali, inoltre, i brani, nella loro indole prog, non sfociano nella pacchiana autocelebrazione e mantengono sempre un filo conduttore non dispersivo. Certo, si potrebbe puntare il dito, sul fatto che i Nostri non ci provano nemmeno ad avere una propria personalità o un trademark che li distingua, francamente a tratti le soluzioni adottate sono molto scopiazzate dalla band di Seattle. Tuttavia “Rise Your Head” è una release onesta, oggettivamente ben fatta e che alla fine si ascolta ben volentieri, se si è amanti, e nostalgici, del genere.

TRACKLIST

  1. Slave
  2. Raise Your Head
  3. The Gutenberg Plague
  4. Mothertongue
  5. The Wire
  6. The Broken Mirror
  7. The Blue Screen of Death
  8. Into the R.A.M.
  9. Dystopia MMXVI
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.