ANTIGAMA – Meteor

Pubblicato il 16/06/2013 da
voto
7.0
  • Band: ANTIGAMA
  • Durata: 00:29:21
  • Disponibile dal: 28/05/2013
  • Etichetta: Selfmadegod Records
  • Distributore:

Come tutti i precedenti album degli Antigama, anche il nuovo “Meteor” riserva ben più di una sorpresa. Da sempre fautori di un death grind evoluto e mai fossilizzato su soluzioni banali, i polacchi tornano a giocare con una certa vena sperimentale, che si era leggermente sopita nel precedente e comunque valido EP “Stop The Chaos” (seguito non a caso dalla propria versione remixata da una serie di artisti della scena elettronica). Affidatisi ancora una volta alle cure di Pawel Grabowski, i Nostri per non farsi mancare niente hanno affidato il mixing ad un mostro sacro come Scott Hull, che ci mette molto del suo, donando al tutto colori ed umori piuttosto cupi. La versione più lineare degli Antigama, quella più legata ad una concezione del grindcore vicina a Napalm Death e Brutal Truth (di “Need To Control”), viene a galla in brani quali l’opener “Collapse”, “Prophecy” e “Crystal Tunes”. Anche episodi come “The Signal” e “Perfect Silence” potrebbero essere inseriti in questo filone, se non fosse che delle ritmiche stratosferiche ed un mood piuttosto oscuro rendono questi brani una sorta di complicata estremizzazione dei Mumakil. Detto anche di una “The Key” che recupera istanze crust core, possiamo passare all’analisi dei brani più complessi, iniziando dalla title track. Il death grind moderno e nervoso della band viene qui sublimato da una scelta di suoni non lontana da certo noise e da leggeri influssi industriali. A seguire troviamo “Fed By The Feeling”, piuttosto piatta e banale nel proprio incedere, se non fosse per un break boogie allucinante che si adagia benissimo sulla struttura della traccia. “Stargate” è giocata tutta sull’alternanza di ritmiche nervose, sperimentazioni space e dissonanze chitarristiche molto presenti, mentre “Untruth” è un brano piuttosto lento e groovy, piuttosto distante dai canoni dei polacchi e – ad onor del vero – non particolarmente interessante. “Turbulence” è l’episodio che si spinge più lontano dal metal, con gli effetti che giocano con la sci-fi settantiana, sopra i quali vengono inserite partiture di elettronica evoluta e di IDM molto coraggiose e che aprono nuove strade al combo. Sul finale, in una sorta di orgia musicale, gli strumenti tradizionali doppiano quelli elettronici e ci portano alla fine di un brano tra i più estremi (come concezione) della discografia degli Antigama. Bene, quindi, questo “Meteor” che – sebbene qualitativamente sia un po’ altalenante – ci riconsegna una band in forma che non smette di stupire ed evolvere. Consigliato!

TRACKLIST

  1. Collapse
  2. The Key
  3. Prophecy
  4. Meteor
  5. Fed By The Feeling
  6. Crystal Tune
  7. Stargate
  8. The Signal
  9. Turbulence
  10. Perfect Silence
  11. Untruth
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.