ANVIL – Anvil Is Anvil

Pubblicato il 12/02/2016 da
voto
6.5
  • Band: ANVIL
  • Durata: 00:45:52
  • Disponibile dal: 26/02/2016
  • Etichetta: SPV Records
  • Distributore: Audioglobe

Gli immarcescibili Anvil giungono più determinati che mai alla sedicesima tappa della loro lunga e travagliata carriera, vergando l’ennesima opera dalla quale emergono in superficie  poche novità ma tante certezze. Anche in questa occasione segnaliamo l’ingaggio di un nuovo bassista, tale Chris Robertson, reclutato per occupare il posto vacante lasciato dal dimissionario Sal Italiano. Persino il celebre produttore Bob Marlette viene sostituito dal meno noto Martin Pfeiffer, il quale cuce con sicurezza e professionalità una veste sonora meno raffinata, ma altrettanto incisiva. Registrato nei Redhead 4 Studios a Pulheim, in Germania, “Anvil Is Anvil” si presenta come un album dal marcato sapore agrodolce, caratterizzato da alcuni episodi particolarmente felici, alternati da altri decisamente meno entusiasmanti. Non possiamo chiudere un occhio dinnanzi al maldestro autoplagio perpetrato da “Runaway Train”, la quale ricicla palesemente il riff portante di “Smokin’ Green” incisa sull’ottimo “Plugged In Permanent” nel 1996. La ridondante “Forgive Don’t Forget” e la manieristica “Up, Down, Sideway” scorrono via senza lasciare traccia ma, per nostra fortuna, l’inseparabile duo canadese, composto dall’estroso frontman Steve ‘Lips’ Kudlow e dal più pacato Robb Reiner, è ancora capace di comporre una manciata di canzoni ottimamente strutturate. “Ambushed” colpisce dritta allo stomaco per merito di un ritornello grintoso ed efficace; mentre la minacciosa “Zombie Apocalypse” rievoca con gusto e personalità l’imponente marcia dei Black Sabbath. “Daggers And Rum” è forse l’unico episodio che ci svela un lato inedito dei protagonisti, curiosamente coinvolti in un’avventura intrisa di goliardici umori pirateschi. Al contempo, gli autori mantengono i piedi ben saldi per terra, esprimendo a gran voce un parere netto nei confronti di tematiche scomode collegate alla religione (“Die For A Lie”) e alle armi da fuoco (“Gun Control”). Sebbene non ci troviamo di fronte ad un capitolo imprescindibile nella discografia dell’Incudine, siamo comunque convinti che questo lavoro sarà in grado di saziare l’appetito dei fan più incalliti.

TRACKLIST

  1. Daggers And Rum
  2. Up, Down, Sideway
  3. Gun Control
  4. Die For A Lie
  5. Runaway Train
  6. Zombie Apocalypse
  7. It's Your Move
  8. Ambushed
  9. Fire On The Highway
  10. Run Like Hell
  11. Forgive Don't Forget
  12. Never Going To Stop (Bonus Track)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.