APE UNIT – Filth

Pubblicato il 28/07/2022 da
voto
7.5
  • Band: APE UNIT
  • Durata: 00:14:29
  • Disponibile dal: 09/07/2022

Spotify:

Apple Music non ancora disponibile

A cinque anni dal validissimo split con gli inglesi Horsebastard, tornano gli Ape Unit con una nuova opera all’insegna del loro ormai tipico grindcore/powerviolence in alta fibrillazione. Ancora una volta, siamo dalle parti del versante più schizoide e stravagante del genere, con un sound esplosivo e dadaista, dove tutto o quasi odora di gioco dissacrante e provocatorio. In un panorama estremo dove ormai si prova e si sente di tutto, musica come quella orchestrata dal gruppo piemontese – in cui ricordiamo militano alcuni ex membri dei compianti death metaller Septycal Gorge – forse non fa più scandalo o non spaventa, ma certo diverte e molto chi si voglia imbarcare nel loro folle viaggio. Di nuovo si apprezza la capacità della band di inserire un’ampia gamma di spunti e influenze in tracce estremamente compatte e serrate, dove la classica rapidità della sezione ritmica fa da base a un continuo gioco di contrasti e sovrapposizioni, con le sempre più insistenti e slabbrate influenze noise rock a dividersi ormai il ruolo di protagonista con la materia grind di partenza.
La rutilante giostra inizia con “Please, Don’t Spell St-Tropez!”, nella quale si sentono persino lontani echi black metal, e da lì la tracklist si sviluppa in un puntuale e convulso saliscendi con chitarre in aperta abrasione e linee vocali che riescono a toccare molteplici sfumature di urla, growling e declamazioni, il tutto sempre con un approccio spontaneo e organico. È un sentiero sonoro impervio, quello architettato dagli Ape Unit, basato sul dialogo/scontro tra varie influenze e imbevuto di una sfrontatezza sbattuta apertamente in faccia all’ascoltatore. È forte l’influenza della fervente scena grind/hardcore di Leeds (The Afternoon Gentlemen, Gets Worse, i suddetti Horsebastard…), così come quella di pilastri noise quali Melt Banana o Lightning Bolt: il gruppo riesce tuttavia a trovare una quadra grazie a una notevole preparazione tecnica e alla succitata capacità di sintesi, facendo emergere un suo tocco distintivo soprattutto quando il materiale si fa particolarmente elaborato.
Con una durata complessiva di nemmeno un quarto d’ora, “Filth” può dunque indurre assuefazione, soprattutto nel caso si voglia prestare estrema attenzione e contare tutti i cambi di tempo presenti nei singoli episodi. Un labirinto da cui non sarà semplice uscire.

TRACKLIST

  1. Please, Don't Spell St-Tropez!
  2. Annihilation Of The Weekend
  3. Playa O Plomo
  4. Credible Hulk
  5. Gulash Iscariot
  6. Casting Couch Surfing
  7. Plot Twist Again
  8. Blues: The Cool
  9. Insect Welfare
  10. Tickets For Sun Motion
  11. Jazz-monkey Boys
  12. Beat It Lightly With A Stick
  13. Multi Twins Party
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.