ARCANDIA – Arcandia

Pubblicato il 08/09/2014 da
voto
6.5
  • Band: ARCANDIA
  • Durata: 01:08:52
  • Disponibile dal: 16/09/2014
  • Etichetta:
  • Distributore:

Un piatto ricco di qualità e di sorprese quello presentatoci dal progetto “Arcandia”. L’origine del progetto si deve ricercare nella persona di Antonio Pantano, musicista e compositore siculo animato da un grande interesse per la musica certamente, ma soprattutto per tutto ciò che è legato al mondo del fantasy. Dall’unione di queste due sue passioni si genera il substrato che alimenta “Arcandia”, un progetto solo strumentale sullo stile di quanto fatto anni fa da Cristiano Filippini, ma con più connessioni con la scena metal rispetto ai due lavori del già citato collega pesarese. Pantano infatti introduce nella maggioranza delle canzoni strumenti, ritmi e approcci derivati dalla ‘nostra’ musica, con il risultato di avvicinarsi di più ad un ipotetico disco strumentale di Luca Turilli piuttosto che a un lavoro di musica con soli strumenti classici. Possono dunque stare tranquilli gli amanti delle sonorità elettriche, perché qui di chitarre vorticose, batteria lanciata e assoli di tastiera se ne possono trovare in quantità, sempre tenendo però a mente che lo sguardo del disco punta sicuramente a lidi sinfonico/rinascimentali piuttosto che al power melodico. Le colonne sonore, lo stile hollywoodiano e la musica da videogame sono poi altri aspetti fondamentali della musica del Nostro, e vanno a comporre un quadro quanto mai cangiante e multi sfaccettato, indice sicuro di una notevole apertura mentale oltre che di buona versatilità compositiva. Le tracce di questo lavoro sono ben diciotto e si bilanciano piuttosto bene tra passaggi atmosferici (“Valley Of The Dragons”, interrotta da una breve digressione della chitarra solista o “Elvish Woods”, dagli echi quasi tribali), brevi intermezzi narrati (“March of The Frozen Plains”) o lunghi e articolati movimenti elettrici, veri figli di un certo metal sinfonico tricolore (“Icy Tempest”). Importante nell’economia del disco risultano poi anche le influenze di musiche tradizionali, e citiamo a questo proposito l’ottima “Orania”, densa di suggestioni orientaleggianti, oppure la ancora più adrenalinica “Ancient Folks Of The North (Clash of The First Century)”, gioiosa nel suo vestito celtico. Dove nei pezzi citati era però quasi sempre la forza degli opulenti arrangiamenti a regnare, dobbiamo anche dire che nell’album si possono trovare anche momenti dedicati alla sola chitarra solista (“Furia Divina ( King Atheristan VI)”), che ci dipingono l’immagine di un Pantano anche buon chitarrista. Come si sarà già potuto intendere, il disco non è per tutti… si sta parlando comunque di un album strumentale che supera ampiamente l’ora, avvicinandosi al limite nominale dei settantadue minuti del cd classico. Anche per noi cultori del genere, amanti quindi delle lunghe suite di Rhapsodiana memoria, gli otto minuti di “Majestic Winds Of The Northlands” risultano forse fin troppo impegnativi, ma per fortuna si tratta solo di un difetto non così debilitante. La realtà è che la ricchezza e la magnificenza formale di questo lavoro lasciano poco spazio a critiche e, se anche in alcuni frangenti può sembrare fin troppo pretenzioso,  l’impegno messo nella creazione del lavoro sorpassa di gran lunga quello richiesto all’ascoltatore nel digerirlo appieno. “Arcandia” si rivela dunque un progetto davvero più che buono, artisticamente ricco e valido.

TRACKLIST

  1. Intro: March To The Frozen Plains
  2. Hymn To The Brave
  3. Valley Of The Dragons
  4. Icy Tempest (The Epic Frost)
  5. Heroes Of The Mighty Castle
  6. Furia Divina (King Atheristan VI)
  7. Orania
  8. Ancient Folks Of The North (Clash Of The First Century)
  9. Elvish Woods
  10. Born From The Cold
  11. On Top Of The World
  12. Majestic Winds Of The Northland
  13. Escape From The Frost (Across The Crystal Lake)
  14. Closing: Return To Summer Lands
  15. Cooley's Reel (Bonus - Neoclassic Guitar Version)
  16. Dragonvale (Bonus - Rpg Version)
  17. EagleWood (Bonus)
  18. Cooley's Reel (Bonus - Symphonic Metal Version)
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.