ARCANE TALES – Power Of The Sky

Pubblicato il 11/10/2019 da
voto
6.0
  • Band: ARCANE TALES
  • Durata: 00:43:33
  • Disponibile dal: 15/10/2019
  • Etichetta: Silverstream
  • Distributore:

Fa un po’ piacere constatare che album come questo “Power Of The Sky” trovino ancora collocazione nell’ambito discografico italiano di oggi: album che sono esplicitamente derivativi, che vanno a collocarsi consapevolmente in un solco tracciato e percorso in abbondanza, all’interno del quale è difficile proporre qualcosa di concretamente nuovo. La tradizione iniziata negli anni Novanta dai Rhapsody ha creato, per molti anni, una proliferazione di epigoni provenienti da ogni parte del globo, facendo lentamente scivolare il genere in un magma indistinto di orchestrazioni e doppia cassa – conducendo infine i Rhapsody stessi a confuse operazioni di rinnovamento o presunte tali. Il progetto Arcane Tales, one-man band italiana al suo terzo album, si inserisce quasi con strafottenza in un canone musicale che per molti versi sembrava appassito, o quantomeno, nel complesso, popolato da band dedite alla ricerca di una nuova via.
“Power Of The Sky” è un disco di classicissimo power metal sinfonico ‘alla Rhapsody’, senza scorciatoie semantiche che tengano. L’unico componente del progetto è Luigi Soranno, scrittore tra l’altro di una saga fantasy che segue il progetto musicale. In questo album Soranno ha sicuramente perfezionato molte delle criticità che avevano reso dimenticabili i precedenti lavori, su tutti un lieve (non sufficiente) miglioramento nella scelta dei suoni e poi un songwriting più ordinato. Purtroppo però la produzione non è ancora ai livelli che il genere richiede: le chitarre troppo spesso schiacciate da una ipertrofia orchestrale (molto meno rispetto ai lavori precedenti) restano un problema, perché non si riesce a garantire la giusta forza a brani che, in potenza, hanno ottime caratteristiche; queste sono dovute specialmente alla fase compositiva, molto ben elaborata non solo nelle partiture orchestrali, ma anche in un drumming ordinato e, specialmente, in un lavoro vocale davvero di ottima qualità. Le chitarre risentono di un qualcosa che non torna anche in fase di riffing e nei solos: i riff sono spesso ‘facili’, quasi convenzionali – e infatti i migliori risultati si ottengono quando la mansione viene delegata alle tastiere – e i soli assolutamente scolastici e ripetitivi. Certo, per essere il lavoro di un unico musicista si assiste a un mezzo miracolo, ma probabilmente il progetto Arcane Tales diventerebbe qualcosa di davvero interessante se almeno le chitarre venissero affidate a un musicista in grado di garantire lo stesso livello di ricerca e complessità che adesso viene portato in superficie soltanto dal lavoro tastieristico.
È necessario ritornare su un aspetto soltanto accennato poco fa: il lavoro vocale. Soranno è un cantante davvero bravo e le melodie costruite per questo album sono molto buone. Pur rimanendo nella cornice più old-school del power metal sinfonico, i ritornelli e le melodie vocali in genere sono praticamente sempre all’altezza dei migliori maestri del genere: il brano “Genesis” e la conclusiva “Into The Cradle Of Sin” ne sono la prova, senza tralasciare la ballad “Winds Of Doom” dal grande impatto lirico (e dove il lavoro chitarristico è invece molto valido).
“Power Of The Sky” è dunque un lavoro sul serio a metà strada: assolutamente ascoltabile, con anche alcune buone idee nonostante la sua esplicita natura derivativa, ma al contempo danneggiato da numerose ingenuità in fase esecutiva e nella scelta dei suoni. Un peccato, perché Luigi Soranno ha finalmente dimostrato di saperci fare, eccome: ma manca ancora un passo per poter inserire i suoi Arcane Tales tra le band power italiane contemporanee davvero incisive.

TRACKLIST

  1. Lux Lucet In Tenebris
  2. Power Of The Sky
  3. Fire And Shadow
  4. Genesis
  5. Wind Of Doom
  6. As A Phoenix
  7. Seed Of Discord
  8. The Magic Dance Of The Snow
  9. Into The Cradle Of Sin
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.