ARCH ENEMY – Will To Power

Pubblicato il 05/09/2017 da
voto
8.0
  • Band: ARCH ENEMY
  • Durata: 00:50:23
  • Disponibile dal: 08/09/2017
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: Sony

Cambiare (quasi) tutto per non cambiare niente. Di fronte ad un’ipotetica giuria popolare, non necessariamente composta solo da nostalgici dell’era Liiva, siamo certi che sarebbe questa l’accusa principale mossa a Mr. Amott, reo confesso di aver mantenuto pressoché inalterata la proposta degli Arch Enemy nonostante l’ingresso di due veri purosangue come Alissa White-Glutz e, soprattutto, l’ex Nevermore Jeff Loomis. Detto che ci sentiamo di sottoscrivere in parte la mozione – e tralasciando in questa sede il dibattito sulle band che hanno costruito una carriera su un sound sempre uguale a se stesso – va altresì riconsciuto all’ex-Carcass la capacità di aver saputo forgiare negli anni un trademark sonoro immediatamente riconoscibile, cui peraltro l’ingresso dei nuovi arrivati (soprattutto Alissa dai capelli blu) ha donato nuova linfa vitale, dopo un periodo di stanca sul finire dell’era Gossow. Forte del successo di pubblico e di critica ottenuto tre anni fa con “War Eternal”, culminato nel celebrativo live “As The Stages Burn”, il quintetto si ripresenta compatto ai nastri di partenza con “Will To Power”, decimo album che, se da un lato si muove come detto nel solco della tradizione recente (“The World Is Yours”, “The Eagle Flies Alone”, “Murder Scene”), dall’altro mette in mostra alcune piccole ma gustose novità. Su tutte, l’attacco furioso di “The Race”, probabilmente il pezzo più tirato scritto dai ‘nuovi’ Arch Enemy, e la semi-ballad “Reason To Believe”, dove finalmente abbiamo modo di apprezzare la timbrica pulita di Alissa, ma anche le atmosfere liturgiche di “Dreams Of Retribution” o gli arrangiamenti orchestrali della super-catchy “A Fight I Must Win” sono elementi a loro modo inediti, a conferma di come, pur essendo rimasto sostanzialmente simile dai tempi di “Wages Of Sin”, il sound degli Arch Enemy si sia nel frattempo arricchito di nuove sfumature. In attesa di sentire i lavori solisti di Alissa e Loomis (magari basati proprio sulle idee scartate dal Lider Maximo Amott), non ci resta quindi che divertirci con “Will To Power”, imperdibile a patto di aver apprezzato in tutto o in parte i sei lavori che lo hanno preceduto.

TRACKLIST

  1. Set Flame To The Night
  2. The Race
  3. Blood In The Water
  4. The World Is Yours
  5. The Eagle Flies Alone
  6. Reason To Believe
  7. Murder Scene
  8. First Day In Hell
  9. Saturnine
  10. Dreams Of Retribution
  11. My Shadow And I
  12. A Fight I Must Win
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.