ARGUS – Boldly Stride the Doomed

Pubblicato il 19/04/2011 da
voto
8.0
  • Band: ARGUS
  • Durata: 00:54:38
  • Disponibile dal: 25/04/2011
  • Etichetta: Cruz Del Sur Music
  • Distributore: Audioglobe

Dopo l’omonimo album di debutto partorito due anni orsono, gli americani Argus approdano con il qui presente “Boldly Stride the Doomed” alla nostrana Cruz del Sur: come nell’album di debutto, il suono rimane saldamente ancorato ad un heavy classico intervallato da numerose composizioni dai ritmi più pacati che mettono in evidenza l’anima doom della band. Le chitarre sono prepotentemente protagoniste per tutta la durata del lavoro con intrecci e parti armonizzate che in più di un’occasione fanno affiorare alla memoria gli Slough Feg e melodie che inevitabilmente riconducono alla NWOBHM: il riffing, ruvido e roccioso come vuole la tradizione delle band d’Oltreoceano, copre con classe e disinvoltura le molteplici sfaccettature ritmiche del lavoro, passando dalle classiche parti galoppanti ai riff lenti e trascinati tipici del doom. Non ci sono aggettivi per descrivere l’apporto vocale di Brian “Butch” Balich: bastano pochi secondi dell’opener “A Curse on the World” per comprendere che l’ugola del singer possiede indubbiamente una marcia in più. Reminiscente della timbrica di Robert Lowe e di Sean Peck dei Cage, la voce di Brian stupisce per potenza ed estensione, contribuendo a infondere ai brani un feeling epico e oscuro. Bordate del calibro di “A Curse on the World” e “Wolves of Dusk” collidono in maniera decisa con le lente e opprimenti “42-7-29” e “Pieces of Your Smile”, episodi che non sfigurerebbero di certo se inserite nelle ultime uscite di casa Candlemass. Perfetto l’equilibrio che viene a crearsi quando melodia e il lato più roccioso del suono di casa Argus si scontrano dando vita a gioielli epici come la titletrack o “Durendal”, forse l’episodio più marcatamente riuscito ed entusiasmante dell’intera opera. Tra assoli dall’ottimo gusto melodico e toccanti inserti pianistici – il ritornello di “42-7-29” colpisce dritto al cuore – “Boldly Stride the Doomed” si dimostra un tripudio di acciaio colante: pur rifacendosi a suoni e atmosfere di trent’anni or sono, gli Argus riescono nell’intento – anche grazie all’ottima produzione – di non sono suonare datati, ma di essere dannatamente attuali nel 2011. Il nuovo album degli Argus si conferma come un assoluto highlight del settore classico di questo inizio anno: un must assoluto per tutti gli amanti del genere, sentire per credere.

TRACKLIST

  1. Abandoning the Gates of Byzantium
  2. A Curse on the World
  3. Wolves Of Dusk
  4. The Ladder
  5. Durendal
  6. 42-7-29
  7. Boldly Stride the Doomed
  8. Fading Silver Light
  9. Pieces of Your Smile
  10. The Ruins of Ouroboros
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.