ARJEN ANTHONY LUCASSEN – Lost In The New Real

Pubblicato il 02/05/2012 da
voto
7.5
  • Band: ARJEN ANTHONY LUCASSEN
  • Durata: 01:30:20
  • Disponibile dal: 23/04/2012
  • Etichetta: Inside Out
  • Distributore: EMI

In più di quindici anni, tra Ayreon e Star One, di ospiti nei progetti di Arjen Lucassen ne abbiamo visti passare in quantità industriale, ma questa volta il polistrumentista olandese ha deciso di fare tutto o quasi da solo, occupandosi in questo “Lost In The New Real”, oltre che del songwriting, anche della registrazione di tutte le parti di tastiera, basso, chitarra e, cosa nuova, voce, lasciando in sostanza a dei professionisti unicamente l’incombenza di batteria, archi e flauto. Lo stile inconfondibile di Lucassen, caratterizzato dalla presenza di sonorità sintetiche futuriste su una base heavy-rock progressiva, sono ben presenti anche sulla nuova opera, tuttavia, rispetto al passato, notiamo nel nuovo concept una grande voglia di sperimentare e passare in rassegna tutte le influenze presenti nel bagaglio tecnico del songwriter stesso. All’interno di “Lost In The New Real” troviamo pezzi articolati, dalla vena progressiva, quali l’opener “The New Real” e la titletrack in chiusura, ma anche brani disimpegnati dal gusto melodico pop come “E-Police” e “Dr Slumber’s Eternity Home”, senza dimenticare frangenti intimi e rilassati riscontrabili in “Don’t Switch Me Off”. Non mancano neppure le già citate influenze heavy metal, in particolare nell’oscura “Parental Procreation Permit”, in cui un Lucassen ampiamente promosso alla prova vocale si concede qualche vocalizzo di stampo classic. La coesione lirica viene supportata dagli sbalzi umorali delle canzoni che vengono a loro volta introdotte con enfasi dalla voce del narratore di lusso Rutger Hauer. L’assenza di ospiti di rilievo dietro al microfono dunque non rappresenta assolutamente un limite per “Lost In The New Real”, che, oltre a godere dell’ottima e variegata prova vocale del suo leader Lucassen, può in questo modo contare su una maggior fluidità, non essendoci rispetto al passato forzature in talune parti, atte ad introdurre il personaggio del caso. Gli unici intoppi li riscontriamo in “When I’m A Hundred Sixty-Four” e “Where Pigs Fly”, episodi di natura folk derivativi da “01011001” del 2008 e sinceramente troppo banali per un personaggio che solitamente non lo è mai come Arjen Lucassen. Il concept “Lost In The New Real” è principalmente racchiuso in unico CD, ma, come ormai sappiamo, il creatore di Ayreon raramente si accontenta di un’opera singola, ed infatti a supporto giunge un secondo disco, contenente dei validi outtake tra cui spicca l’ottima “The Space Hotel” ed una serie di cover ben ristrutturate, con tematiche attinenti alle liriche del pluricitato concept. “Lost In The New Real” non avrà ospiti di lusso al suo interno, ma è comunque l’ennesima affascinante storia di Arjen Anthony Lucassen che ci tiene incollati alle casse per un’ora e mezza senza stancarci.

TRACKLIST

  1. The New Real
  2. Pink Beatles In A Purple Zeppelin
  3. Parental Procreation Permit
  4. When I'm A Hundred Sixty-Four
  5. E-Police
  6. Don't Switch Me Off
  7. Dr Slumber's Eternity Home
  8. Yellowstone Memorial Day
  9. Where Pigs Fly
  10. Lost In The New Real
  11. Our Imperfect Race
  12. Welcome To The Machine (Pink Floyd cover)
  13. So Is There No God?
  14. Veteran Of The Psychic Wars (Blue Oyster Cult cover)
  15. The Social Recluse
  16. Battle Of Evermore (Led Zeppelin Cover)
  17. The Space Hotel
  18. Some Other Time (Alan Parsons Project Cover)
  19. You Have Entered The Reality Zone
  20. I'm The Slime (Frank Zappa Cover)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.