ARSONISTS GET ALL THE GIRLS – Motherland

Pubblicato il 16/07/2011 da
voto
6.0

L’uscita del precedente album in studio degli Arsonists Get All The Girls ci aveva lasciato buone, anzi buonissime impressioni. Il disco risultava dinamico, divertente, con molte influenze e raramente banale. Influenza principale dei ragazzi sono gli Horse The Band, con queste tastiere suonate a mo’ di suoneria di videogioco. Tuttavia i ragazzi sono riusciti a ritagliarsi una propria personalità, rendendo il suono più vario, che non facciamo fatica a definire progressive a tratti. Non sapevamo cosa aspettarci esattamente da “Motherland”, ci saremmo anche “accontentati” di un album fresco e ispirato come il suo predecessore, d’altra parte chi l’ha detto che si debba sempre e per forza cercare un’evoluzione o un cambiamento quanto il sound di una band è formato da una serie di ingranaggi che girano a meraviglia? Dispiace dirlo, ma “Motherland” è un gradino sotto rispetto al suo predecessore. Intendiamoci, non parliamo di un disco completamente da buttare, anzi, “Motherland” è un bel lavoretto, ben suonato, prodotto in maniera professionale e in linea di massima lo si ascolta più che volentieri. E’ che in generale si sente la mancanza di qualcosa, forse l’indole fracassona e festaiola ha perso un po’ di spontaneità, forse gli interventi tastieristici sono un po’ troppo marcati, forse si tratta semplicemente un calo di ispirazione nel songwriting in generale, che sembrerebbe stavolta essersi incentrato più sullo spingere il più forte possibile sull’acceleratore, o sullo stupire con cambi di tempo e di atmosfera che ottengono il risultato di disorientare l’ascoltatore più che di sorprenderlo. Avendo apprezzato i precedenti lavori della band, dispiace molto definire questo un mezzo passo falso, sebbene si stia parlando sulla carta di un album che non è assolutamente da buttare. Certo, è necessario correre ai ripari onde evitare di precipitare in un limbo di band che sfornano album fotocopia e rimangono nell’anonimato.

TRACKLIST

  1. Rise To Fall
  2. Neck of the Contrast
  3. Gooseknuckle
  4. It Was a Memoir
  5. Dr. Teeth
  6. Avdotya
  7. Waiting For the War To Die
  8. West Cliffs
  9. Hemlock Like This
  10. Woebegone
  11. Our Super Symmetry
  12. Will Someone Please Turn Down the Ocean?
  13. Tempest
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.