ASSAULTER – Salvation Like Destruction

Pubblicato il 07/04/2009 da
voto
7.5
  • Band: ASSAULTER
  • Durata: 00:39:47
  • Disponibile dal: 12/09/2008
  • Etichetta: Pulverised Records
  • Distributore:

Arrivano all’esordio discografico gli australiani Assaulter capitanati da S. Berserker, ex membro dei Deströyer 666. Black/thrash grezzo, ma non per questo scialbo e prevedibile, quello prodotto dal terzetto che rielabora in chiave personale la lezione impartita da band come Sodom e Venom, aggiungendo un’inusuale componente epica che ben si sposa con i mid-tempo sparsi nella tracklist dell’album. Niente raffinatezze, voce sguaiata e velocità a mille introducono il primo episodio dell’album: “Talon and Teeth” presenta in modo quanto più diretto e violento possibile la proposta degli australiani, mettendo in luce l’anima più bastarda e primitiva della band, tra ottimi riff, cambi di tempo e assoli semplici ma assolutamente efficaci. “The Axiom Star”, “Awe of Fire” e “Between Gods and Men” rallentano la folle corsa intrapresa con la traccia di apertura mettendo in evidenza le ottime capacità compositive di Berserker, capace di rendere coinvolgenti ed incisive le tracce facendo presa su ottime melodie mai scontate o banali, sempre accoppiate ad un’ottima sezione ritmica che non concede un attimo di respiro. La componente epica dell’album, seppur sapientemente diluita nei quaranta minuti di durata del disco, trova il suo miglior momento nell’eroica “Glory Alone” dove le ficcanti melodie e i continui break riescono perfettamente nello scopo di rendere solenne e maestoso il suo incedere. “Proselytiser” e “Vengeance Whips”, sebbene votate all’assalto frontale e all’headbanging più sfrenato, convincono senza mezzi termini grazie a qualche colpo di classe sparso qua e là come l’intrigante melodia orientaleggiante posta nel bridge di “Proselytiser”. Malvagia, sgraziata e velenosa: tre aggettivi che descrivono al meglio la voce di Berserker, degno complemento dell’apocalittico quadro sonoro dipinto dalla sezione strumentale e perfettamente integrata nel devastante incedere delle sette tracce presenti nel disco. Seppur idonea ed in linea con il genere proposto, la produzione risulta un po’ sottotono: se fosse stata più potente e graffiante avrebbe donato all’album un impatto ancora più devastante. A conti fatti non ci resta che fare i complimenti alla Pulverised Records per aver centrato l’obiettivo per l’ennesima volta: per tutti gli appassionati è bene far presente che è stata rilasciata anche una versione in LP ad opera della Iron Bonehead/High Roller Records.

TRACKLIST

  1. Talon And Teeth
  2. The Axiom Star
  3. Glory Alone
  4. Proselytiser
  5. Awe Of Fire
  6. Vengeance Whips
  7. Between Gods And Men
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.