ASTAROTH – Organic Perpetual Hatework

Pubblicato il 27/11/2005 da
voto
6.0
  • Band: ASTAROTH
  • Durata: 00:36:36
  • Disponibile dal: 19/11/2005
  • Etichetta: Ccp Records
  • Distributore:

Streaming:

Per alcuni il tempo sembra esserci fossilizzato, per altri il tempo cambia, radicalmente. Gli austriaci Astaroth sono proprio cambiati, hanno subito negli anni una vera e propria metamorfosi… già, perché se una band suona black metal marcio, ruvido, pieno di elementi thrash poco raffinati, ma poi diventa una symphonic black metal band dal suono potente e pulitissimo, allora proprio di metamorfosi si tratta. Non si può certo dire che gli Astaroth siano dei modaioli, anzi, vanno decisamente contro tendenza; sono infatti pochi i superstiti rimasti ad interessarsi del black sinfonico mentre impazza nuovamente il ‘true black metal’. La nuova veste non calza alla perfezione alla band austriaca, assai convincente con i lavori passati, specie con quello “Sklavengott” in stile Marduk essenziale ma abrasivo. Tutto ora è diverso, tematiche comprese, il songwriting è piuttosto stantìo, un po’ death e un po’ black ma senza mai entusiasmare. L’unico brano veramente valido è quello conclusivo, un po’ pochino da un gruppo che comunque il suo nome l’ha portato in giro già da molti anni. Cattiva soprattutto la scelta di usare i synth in modo troppo banale, cosa che non fa altro che alleggerire ancor di più un album che pretende di essere violento, ma che in fin dei conti non lo è eccessivamente. Il classico album black ‘plastificato’: strano che a dover essere etichettato in questa maniera sia un CD degli Astaroth. Un cambio di rotta non troppo felice.

TRACKLIST

  1. The Machinist
  2. Bloodwork
  3. Lateral Ergonomic Organic Marooned
  4. Soulcloned
  5. Eugenic ( Designed Duality )
  6. Perpetual Spirit
  7. Accursed
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.