AT THE DAWN – The Battle To Come

Pubblicato il 08/11/2019 da
voto
6.5
  • Band: AT THE DAWN
  • Durata: 00:46:20
  • Disponibile dal: 03/05/2019
  • Etichetta: Underground Symphony
  • Distributore: Audioglobe

Arrivati al terzo full-length, i nostrani At The Dawn sembrano aver decisamente raggiunto la loro dimensione, migliorando i punti deboli presenti in quanto fatto in precedenza e incidendo un lavoro coerente e organico. Questo “The Battle To Come” è infatti un lavoro buono e che fa trasparire la grande cura e la grande attenzione messe in atto dalla band nella realizzazione di un ventaglio di brani che prova a non avere battute d’arresto o pezzi minori. Il risultato è un disco onesto ed elegante, che non spicca per originalità o per eccellenza compositiva, ma che si ritaglia senz’altro un posto di riguardo tra le uscite power metal italiane di quest’anno, se non altro per la ricerca lucida e costante di dare attraverso un unico album una sorta di mappa di varie possibilità stilistiche presenti in questo genere.
Il power proposto dagli At The Dawn è nettamente ispirato da band note per un approccio più raffinato e ricercato, come Kamelot, Dark Moor e Masterplan (ma anche certe esperienze più underground come i primi Dreamtale e i Dragonland), rinunciando dunque agli stereotipi della doppia cassa perpetua e dei ritornelli drappeggiati di gorgheggi catchy e tonalità irraggiungibili. Se il brano posto in apertura “Brotherhood Of Steel” prova a garantire un classico chorus power, corredato da un arrangiamento lineare e senza troppe sorprese, nel procedere dell’album incontriamo pezzi che puntano alla esposizione di un gusto compositivo quasi atipico nel panorama del power italiano. “A Rose In The Dark” è un ottimo esempio di unione tra classico power finlandese con un sound dal sapore AOR (tanto da ricordare progetti minori ma interessantissimi come i Cain’s Offering), così come “Dragon Heart” (nonostante il titolo certamente poco invitante per chi stia cercando qualcosa di nuovo), canzone dotata di un bel lavoro tastieristico e interessanti costruzioni melodiche. Certo non mancano pezzi più in linea con una tradizione a volte un po’ stantia: “Anthem Of Thor” o “Torquemada” scivolano nel già sentito e nella coralità più tipica, nonostante gli intenti in fase di arrangiamento siano sempre ammirevoli.
“The Battle To Come” risulta un disco valido, frutto del lavoro attento di una band che vuole dire la propria in un genere nel quale non è facile proporre novità sostanziali. L’esecuzione, complessivamente, è di buon livello per ogni componente: senza esposizioni di tecnicismi, tutto è teso alla creazione di un buon sound. Il prossimo album sarà senz’altro una prova decisiva per gli At The Dawn: una prova che, al momento, questi bravi musicisti sembrano avere tutte le carte in regola per superare a pieni voti.

TRACKLIST

  1. The Battle To Come
  2. Brotherhood Of Steel
  3. Cadaver Synod
  4. Anthem Of Thor
  5. Dragon Heart
  6. A Rose In The Dark
  7. The Call
  8. Torquemada (The Hand Of God)
  9. The Forsaken Ones
  10. Viper Of The Sands
  11. King Of Blood And Sand
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.