AT VANCE – VII

Pubblicato il 22/09/2007 da
voto
6.5
  • Band: AT VANCE
  • Durata: 00:45:12
  • Disponibile dal: /08/2007
  • Etichetta: AFM Records
  • Distributore: Audioglobe

Con la loro ultima fatica gli At Vance presentano anche l’ennesimo cambio di line up: il nuovo singer Rick Altzi succede infatti a Mats Leven, singer che negli anni ha militato in Swedish Erotica, Treat, Krux (solo per citarne alcuni) e ad Oliver Hartman, oramai quasi del tutto dedito alla carriera solista. Si tratta del settimo studio album della power band teutonica, che viaggia alla notevole media di quasi una release all’anno, considerando che il loro esordio risale al 1999 con “No Escape”. Nonostante il cambio del vocalist lo stile e l’approccio non sembrano essere cambiati in maniera particolare, gli At Vance così sembrano continuare il loro percorso in maniera coerente ed onesta, dando vita ad un power che vira spesso verso soluzioni hard rock, heavy e melodic metal, ricordando talvolta i Masterplan. La centralità dell’aspetto melodico per il chitarrista e leader Olaf Lenk si può notare sin dall’opener Breaking The Night, brano che segue i canoni più consolidati del power proprio in un periodo in cui invece tutti i gruppi storici appartenenti a questo filone fanno di tutto per prendere le distanze dai suddetti canoni. Seguono subito le due canzoni migliori del lotto, “Shiver” e soprattutto “Cold As Ice”, la melodia assume sempre maggiore rilievo ed ha il merito di catturare l’ascoltatore fin dal’inizio: i chorus risultano di sicuro impatto ed efficaci, mentre l’interpretazione coinvolgente e calda di Altzi tocca in questi due brani le vette più alte della sua performance. Si ritorna poi ai canoni propri del power nordeuropeo con “Victory”, martellante ed ariosa, a cui segue il mid-tempo “Friendly Fire”, che strizza l’occhio agli anni ottanta, come anche “Answer Me”, pezzo ancor più melodico e dall’appeal radiofonico, là dove invece “Golden Leaves” non convince affatto e si trascina dietro tutti i cliché propri del power metal risultando alla fine fin troppo scontata e prevedibile. “Shine” risulta più aggressiva e presenta un buon tiro, ma si percepisce nell’aria un certo calo ispirativo in questa parte finale dell’album, calo confermato dalla breve e futile “Truth”, forse il brano più anonimo, mentre la chiusura viene affidata alla power ballad “Lost In Your Love”, che nella sua delicatezza riesce in parte a risollevare un finale che rischiava davvero di essere un po’ troppo sottotono. Un discreto ed onesto lavoro di power metal anche se nel corso dei dieci brani si alternano pezzi che rispecchiano gli stilemi tipici del genere e altri che invece cercano di percorrere soluzioni alternative spesso sfocianti nell’hard ottantiano e nel melodic metal in genere, con un Altzi comunque sempre a suo agio.

TRACKLIST

  1. Breaking The Night
  2. Shiver
  3. Cold As Ice
  4. Victory
  5. Friendly Fire
  6. Golden Leaves
  7. Answer Me
  8. Shine
  9. Truth
  10. Lost In Your Love
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.