ATARI TEENAGE RIOT – Is This Hyperreal?

Pubblicato il 05/08/2011 da
voto
6.5
  • Band: ATARI TEENAGE RIOT
  • Durata: 00:43:08
  • Disponibile dal: 26/07/2011
  • Etichetta:
  • Digital Hardcore Recordings

Spotify:

Apple Music:

To’, chi si rivede. Alec Empire e la sua vecchia compagna di merende Nic Endo. Alla fine, a undici anni di distanza da quel capolavoro/putiferio digitale totale chiamato “60 Second Wipe Out”, i due non hanno resistito e hanno riesumato uno dei nomi più illustri di quella bastardizzazione fra anarco-punk e hard dance che si faceva chiamare Atari Teenage Riot. Il desiderio dei due di voler tornare sulle scene appare sincero e determinato, e la voglia di tornare a annichilire tutto e tutti con una detonante barricata di beat e anthem incediari è evidente e anche apprezzabile. Ma come tanti altri ritorni illustri e del tutto inaspettati, anche questa reunion puzza anche di soldi, prolissità e noia oltre che di intenzioni fresche e motivazioni neo-ritrovate. Diciamocelo francamente: Carl Crack non c’è più, e con lui se n’è andato anche tutto ciò che faceva degli Atari Teenage Riot la belva incazzata e battagliera che erano negli anni Novanta e che forgiava la loro visione e natura più intima e pura. Alec e Nic sono fuori (comprensibilmente) dalla scena anarco e rave di Berlino da anni ormai, hanno trenta e passa anni suonati a testa, e sono entrambi musicisti rispettati con delle carriere soliste fruttuose e di tutto rispetto, e di certo non vivono più in un lurido squat di Berlino popolato da spiantati, punk e derelitti e pieno di droghe e molotov. Allo stesso modo Berlino ormai è una metropoli realizzata e funzionante e non più la ostica terra di nessuno dell’inizio degli anni Novanta nella Germania Est post-riunificazione, dal quale gli Atari Teenage Riot emersero, sputati fuori da un underground hard techno berlinese  tossico, depresso e isolazionista. “Is This Hyperreal?” nel 2011 ripropone gli stessi anthem battaglieri, le stesse liriche, gli stessi temi e gli stessi ormai parossistici e autoreferenziali richiami ai disagi sociali e alle guerre sociali e generazionali di un’era che ormai non esiste più. Impossibile pensare che Empire ed Endo siano a loro volta realmente ancora convinti di certe tematiche dopo quasi vent’anni che queste li hanno spinti a muovere i primi passi, e queste considerazioni minano non poco la credibilità di questo ritorno. Da allora ne è passata di acqua sotto i ponti, e il primo passo fondamentale da fare quando si approccia una reunion così importante dopo così tanto tempo è prima di tutto quello di adeguarsi ai tempi per non diventare la parodia di se stessi, e “Is This Hyperreal?”, com’è stato pensato, potrebbe giocare proprio questo brutto scherzo al duo berlinese. Anche musicalmente tutto ciò che era, ancora è. Sia il bello che il brutto. Ma siccome di bello nell’apocalisse electro-hardcore degli Atari Teenage Riot ce n’era a non finire, non vi preoccupate, anche in “Is This Hyperreal?” ci sono una marea di beat memorabili, anthem da strillare a squarciagola e drum machine sparate a velocità supersonica , tutti elementi che nell’immediato assicureranno divertimento puro, nonostante la scomparsa pressoché totale delle chitarre. I dubbi suscitati in apertura comuque rimangono. Tanti altri progetti agro-tech e industrial contemporanei ormai hanno abbondantemente superato i maestri e bisognerà vedere a cosa porterà questa reunion visto che le motivazioni e nuove energie per fare degli Atari Teenage Riot qualcosa di interessante che ha di nuovo qualcosa da dire anche nel presente sembrano impalpabili e sfocate. Di certo il duo, nel 2011, non può continuare  a sfornare dischi come li faceva quindici anni fa: questo in effetti lo è.

TRACKLIST

  1. Activate!
  2. Blood In My Eyes
  3. Black Flags
  4. Is This Hyperreal?
  5. Codebreaker
  6. Shadow Identity
  7. Re-Arrange Your Synapsis
  8. Digital Decay
  9. The Only Slight Glimmer Of Hope
  10. Collapse Of History
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.