ATREYU – Congregation of the Damned

Pubblicato il 20/10/2009 da
voto
7.5
  • Band: ATREYU
  • Durata: 00:48:24
  • Disponibile dal: 23/10/2009
  • Etichetta: Roadrunner Records
  • Distributore: Warner Bros

La domanda sorge spontanea: si può vivere di rendita grazie al successo di un solo disco? La risposta, altrettanto spontanea, non può che essere negativa, nemmeno se il disco in questione porta il nome di “The Curse”, capolavoro finora ineguagliato nel suo genere. Ed è così che, dopo aver perdonato loro il mezzo passo falso di “A Death-Grip On Yesterday” – liquidato come un frettoloso tentativo di liberarsi dal contratto con la Victory – e l’ancor più deludente “Lead Sails and a Paper Anchor” – un mal riuscito tentativo di sganciarsi dal carrozzone core per prendere una strada più mainstream – eravamo stavolta pronti a spedire gli Atreyu all’Inferno dell’oblio, per nulla persuasi dai trionfalistici proclami della vigilia che volevano i nostri impegnati in un ritorno al sound delle origini. E invece – sorpresa! – basta inserire il CD nel lettore ed acoltare il riff di apertura di “Stop! Before It’s Too Late and We’ve Destroyed It All” per rendersi conto di come il quintetto di Orange County sia stavolta riuscito a coniugare l’aggressività degli esordi con la vena più melodica degli ultimi lavori, sfornando un album finalmente all’altezza della loro fama. Certo, nel caso specifico la somiglianza con gli Avenged Sevenfold potrebbe apparire quanto meno sospetta – sentite il singer Alex Varkatzas come scimmiotta Mr. Shadows – ma le successive “Bleeding Is a Luxury” e “Congregation of the Damned” sono indicative del ritrovato stato di forma della coppia d’ascie Dan Jacobs/Travis Miguel e del ruolo nuovamente centrale assunto dal già citato singer. Non manca qualche passaggio a vuoto (“Black Days Begin”, “You Were King Now You’re Unconscious”), ma per il resto la tracklist appare solidissima, in grado di soddisfare sia i nostalgici degli Atreyu che furono – quelli seduti dalla parte giusta del letto e dal mascara colante, il cui spirito riaffiora in canzoni come “Gallows” e “Ravenous” – che chi di loro ha sempre apprezzato la vena più hard-rock, qui ottimamente rappresentata dall’anthemica “Insatiable”. E se perfino l’immancabile ballad finale, la zuccherosa “Wait for You”, riesce, trasposta in un’immaginaria sede live, a far prevalere l’istinto di ondeggiare l’accendino piuttosto che tirarlo sul palco, significa che stavolta il bersaglio è stato colpito e affondato. Onore dunque agli Atreyu per essersi risollevati, mentre il posto d’onore nella cerchia dei dannati spetta stavolta allo scribacchino di turno.

TRACKLIST

  1. Stop! Before It's Too Late and We've Destroyed It All
  2. Bleeding Is a Luxury
  3. Congregation of the Damned
  4. Coffin Nails
  5. Black Days Begin
  6. Gallows
  7. Storm To Pass
  8. You Were King Now You're Unconscious
  9. Insatiable
  10. So Wrong
  11. Ravenous
  12. Lonely
  13. Wait for You
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.