AURA NOIR – Aura Noire

Pubblicato il 05/05/2018 da
voto
7.5
  • Band: AURA NOIR
  • Durata: 00:32:33
  • Disponibile dal: 27/04/2018
  • Etichetta: Indie Recordings
  • Distributore: Audioglobe

Tra i paladini indiscussi – e precursori – di un certo modo di intendere il thrash metal, il ritorno degli Aura Noir è uno di quelli per cui bisogna stare allegri. Il nuovo disco di Apollion, Aggressor e Blasphemer, intitolato semplicemente “Aura Noire”, con la ‘e’ alla fine, consta di una mezz’ora nel quale si spiega a tutti i ragazzini che provano a fare i thrasher oggi come oggi la differenza fra ‘essere interessanti’ e ‘spaccare tutto’. Suoni marcissimi, una voce che proviene da qualche cloaca infernale, incedere vertiginosi: venticinque anni dopo ed essere ancora qui a dettar legge non è cosa da tutti, ma con la sua ignorantissima scaletta di nove brani la nuova opera dei norvegesi si presenta, all’interno di una proposta forse canonica, con del materiale d’impatto che ha dalla sua sia la riconoscibilità dell’esperienza senza risultare per questo trito e, non di meno, certe piccole esplosioni di savoir faire che si raggiungono solo quando oltre ad un acquisito mestiere si ha avuto a che fare con la materia – e con gli inferi – per un sacco di tempo della propria vita. E, dunque, sebbene la materia sia la stessa che già conosciamo e anche dopo quest’uscita non stenteremo a ritenere “Black Thrash Attack” ancora e per sempre un gradino sopra tutto il resto della discografia degli Aura Noir, questa versione 2018 del terzetto rimette in riga tutti i wannabe thrasher là fuori e re-insegna la storia a suon di riff spesso cafonissimi e d’impatto, come avviene in “Hell’s Lost Chambers”, nel modo in cui attacca “Grave Dweller” o con la saudade brasilera di “Shades Ablaze”. Niente di nuovo forse, ma se un disco del genere non vi mette nemmeno un po’ di voglia di andare a fare gli scemi sotto un palco inneggiando a Satana, probabilmente non avete un cuore.

TRACKLIST

  1. Dark Lung of the Storm
  2. Grave Dweller
  3. Hell’s Lost Chambers
  4. The Obscuration
  5. Demoniac Flow
  6. Shades Ablaze
  7. Mordant Wind
  8. Cold Bone Grasp
  9. Outro
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.