AUTOPSY – Severed Survival 2009

Pubblicato il 10/03/2009 da
voto
8.5
  • Band: AUTOPSY
  • Durata: 01:53:13
  • Disponibile dal: 23/02/2009
  • Etichetta: Peaceville
  • Distributore: Halidon

E’ opinione comune e condivisibile che il primo album prettamente death della storia sia stato “Scream Bloody Gore” dei Death (che se la gioca con “Season Of The Dead” dei Necrophagia). Quel lavoro ha posto le basi per quella che in seguito sarebbe diventata una delle scena più importanti all’interno del calderone metal. Ebbene, probabilmente i più giovani non sapranno che quel lavoro è frutto dell’unione di due menti (senza nulla togliere a Rock Rozz e Kam Lee): in primis ovviamente quella di Chuck Schuldiner, coadiuvato da un tale Chris Reifert dietro le pelli. Lo stesso Reifert che di lì a poco darà alle stampe il monumentale “Severed Survival”, esordio sulla lunga distanza degli Autopsy. Correva l’anno 1989, quello di “Altars Of Madness”, “Slowly We Rot” e “Realm Of Chaos”. Oggi, per festeggiare il ventennale della pubblicazione, la Peaceville immette sul mercato la ristampa di quel debut. La label ha fatto le cose in grande, innanzitutto “pulendo” le registrazioni e donando al tutto una migliore fruibilità. Poi, come bonus, troviamo delle incisioni rare della primissima parte di carriera della band e come ciliegina sulla torta addirittura due nuovi brani composti per l’occasione! Anche il packaging è notevole, con grafica rinnovata ed affiancata a quella originale ed esclusiva intervista alla band, che ripercorre quei tempi magici nei quali il death era poco più che un’idea embrionale. Partiamo dai brani nuovi, ovverosia “Horrific Obsession” e “Feast of The Graveworm”: le due composizioni possono tranquillamente ascriversi nel classico songwriting della band, fatto di sfuriate malate e rallentamenti praticamente doom, il tutto avvolto da una patina morbosa che non è andata persa negli anni. Reifert mantiene una voce riconoscibile ad occhi chiusi, mentre i riff della coppia Coralles/Cutler sono quanto di più old school death metal sia dato di ascoltare. Le rimanenti tracce rare sono utili soprattutto come testimonianza storica, dato che a volte la qualità audio è davvero pessima. Per ciò che concerne l’album originale, non si possono non citare dei veri e propri classici del death quali “Charred Remains”, “Service For A Vacant Coffin”, “Severed Survival” “Gasping For Air”, “Ridden With Disease” o “Embalmed”, delle vere perle che non è possibile non conoscere. Possiamo solo dire che coloro i quali vogliano farsi una cultura sulla storia del death devono assolutamente fare loro “Severed Survival” che a prima vista può sembrare un episodio minore rispetto ai capisaldi del genere, ma possiamo garantire che l’evoluzione della musica estrema è passata anche da qui. Come ultima annotazione riportiamo la line up del lavoro originale: Eric Cutler e Danny Coralles alle chitarre, Chris Reifert alla voce e alla batteria e Steve DiGiorgio al basso in qualità di session man. E scusate se è poco!

PS: come sempre il voto in calce si riferisce alla ristampa, comunque ottima. La votazione dell’album originale è 9.

TRACKLIST

  1. Charred Remains
  2. Service For A Vacant Coffin
  3. Disembowel
  4. Gasping For Air
  5. Ridden With Disease
  6. Pagan Saviour
  7. Impending Dread
  8. Severed Survival
  9. Critical Madness
  10. Embalmed
  11. Horrific Obsession
  12. Feast Of The Graveworm
  13. Mauled To Death
  14. Human Genocide
  15. Christ Denied
  16. Charred Remains
  17. Service For A Vacant Coffin
  18. Disembowel
  19. Gasping For Air
  20. Ridden With Disease
  21. Pagan Savior
  22. Severed Survival
  23. Critical Madness
  24. Embalmed
  25. Stillborn
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.