AXIS OF DESPAIR – Contempt For Man

Pubblicato il 19/07/2018 da
voto
7.0
  • Band: AXIS OF DESPAIR
  • Durata: 00:33:02
  • Disponibile dal: 27/07/2018
  • Etichetta:
  • Southern Lord
  • Distributore: Goodfellas

Spotify:

Apple Music:

Anders Jakobson torna con i suoi Axis Of Despair ad un paio d’anni dalla pubblicazione del ben accolto EP “Mankind Crawls”. In quell’occasione rimanemmo favorevolmente colpiti dalla verve di questi veterani del panorama death-grind svedese e fa piacere constatare come anche in questo primo album per Southern Lord l’ex batterista dei Nasum, reduce dalla sfortunata esperienza con i Coldworker, sia riuscito nuovamente a mettere bene a fuoco le proprie idee e a condurre al meglio il progetto. Anche se la materia di base è nota e sulle prime le progressioni di “Contempt For Man” possono suonare come un semplice proseguimento di un percorso già intrapreso, man mano che ci si addentra nell’ascolto del disco non si può fare a meno di applaudire alla cura e alla solidità con cui il materiale è stato composto e interpretato. Insomma, siamo al cospetto di veterani seri e ancora affamati, non davanti al solito progetto bollito in partenza, messo in piedi giusto per occupare il tempo. Le coordinate stilistiche, come accennato, non sono mutate rispetto a quanto offerto in precedenza: gli Axis Of Despair non possono fare a meno di trarre liberamente ispirazione dalla tipica espressione grind scandinava, a volte senza tralasciare una vena prettamente hardcore, in altre aggiungendo alcuni stilemi death metal, per un risultato finale nuovamente riconducibile ai padri della scena Nasum, gruppo del quale, lo ricordiamo, Jakobson è stato uno dei membri fondatori. Se in definitiva l’album si lascia apprezzare nella sua interezza, in primis per la proverbiale concisione, nella tracklist spiccano sicuramente distinti ottimi brani quali “Lockdown”, “Crush The Empire”, “A Life of Ceaseless Grind” o “Streams of Sludge”, in cui i Nostri mettono in mostra una formula che unisce impatto, rapidità e una certa impronta “orecchiabile” su livelli che i Coldworker non sempre erano riusciti a raggiungere. Un debutto che non lascia a bocca aperta ma che in definitiva convince, grazie soprattutto a quella sua efficienza tipica dei veterani che la sanno lunga.

TRACKLIST

  1. Vardelos
  2. Demons and Angels
  3. Pawn Sacrifice
  4. The Wolven Law
  5. Lockdown
  6. The Punishment Begins
  7. The Noose Tightens
  8. Det Ga°r Aldrig
  9. Crush the Empire
  10. Pre-Emptive Nuclear Strike
  11. A Life of Ceaseless Grind
  12. Streams of Sludge
  13. Into the Hard Earth
  14. The Pain Maze
  15. Vile Behaviour
  16. Defeat
  17. Dull Dead Future
  18. To Smite
  19. A Brutal Truth
  20. Flytande Död
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.