BALROG (ITA) – A Dark Passage

Pubblicato il 26/12/2010 da
voto
6.0
  • Band: BALROG (ITA)
  • Durata: 00:33:53
  • Disponibile dal: 20/10/2010
  • Etichetta: My Graveyard Productions
  • Distributore: Masterpiece

Ennesima scoperta della My Graveyard Productions, alla quale sicuramente non si può imputare di pubblicare CD solo per fare cassa, ma anzi è da lodare nella continua e molte volte riuscita ricerca di gruppi validi nella scena underground italiana e per la riedizione di capisaldi come Dark Quarterer, Strana Officina e Sabotage (fra i tanti). Tocca ora ai Balrog giungere al sospirato debutto a nome “A Dark Passage”, buon esempio di power heavy battagliero interpretato dalla ottima voce del nuovo cantante Stefano Castagna e impreziosito dal drumming di qualità superiore di Tommaso Colombo. Il colore delle canzoni che compongono i trentacinque minuti scarsi dell’album è quasi sempre tendente ai toni scuri: senza per questo mai neppure sfiorare forme di doom, la band riesce comunque bene a trasmettere le vicende fantasy narrate grazie ai riff aggressivi e taglienti di Stefano Luoni e Andreas Tibiletti, e ad arpeggi evocativi (vedi la strumentale “Tears”). La qualià sonora è discreta anche considerando che si tratta del precedente demo del gruppo (peraltro molto professionale) ricantato dal nuovo cantante, e tra i pregi già enunciati è giusto inserire anche la coesione sonora dei musicisti. Alla lunga la pecca più grande del disco, di contro, è l’uniformità compositiva, spezzata solo dal break centrale di “The Rise”, dal ben inserito episodio più modernista alla fine di “Perpetual Circle” e dal citato strumentale che, complici anche due canzoni non celestiali come “Shadows” e “Change Woman For Hell”, rende più difficile la memorizzazione dei singoli brani. Un debutto già discreto, con arrangiamenti calzanti e ben suonati, e se sommate la certezza che la band può crescere ancora, le aspettative per il futuro dei Balrog si fanno evidentemente interessanti.

TRACKLIST

  1. The Wait
  2. At The Black Gates
  3. The Rise
  4. Shadows
  5. Tears (Instrumental)
  6. Change Woman For Hell
  7. Perpetual Circle
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.