BARBARIC HOWLER / COSMIC CONQUEROR – Summoners of Storm

Pubblicato il 30/11/2021 da
voto
7.0

Spotify non ancora disponibile

Apple Music:

È un biglietto di sola andata per l’Inferno quello consegnatoci dai sedici minuti di “Summoners of Storm”, fra emanazioni luciferine e riverberi che sembrano propagarsi da una tenebra infinita. Uno split rivolto ad appassionati e completisti della scena underground death metal più fosca e spiritualmente deviata, che ricolloca Israele al centro delle mappe dopo i colpi messi a segno da gruppi come Venomous Skeleton, Kever e Deathsiege (senza ovviamente contare i maestri Sonne Adam, autori nell’ormai lontano 2011 del capolavoro “Transformation”), con i quali – guarda caso – i due progetti qui chiamati in causa dimostrano di avere più di un punto di contatto.
Rompono gli indugi i Barbaric Howler, fin dal monicker i più inclini al lato rude e scabro dello spettro death-black, con un paio di tracce dalla produzione sporchissima che evocano lo spettro dei ‘soliti’ Incantation imbastardendolo con saltuarie accelerazioni di marca Blasphemy, Sadistic Intent e compagnia borchiata. Un risultato complessivo che, se da un lato non fa della ricerca sonora e della profonda introspezione i suoi punti di forza, dall’altro finisce per irretire e insinuarsi ugualmente nella psiche in virtù di una malvagità che non è certo frutto di pose o di occultismo da feed di Instagram, spianando nel migliore dei modi la strada al piatto forte dello split. I Cosmic Conqueror vedono infatti coinvolto il cantante/polistrumentista Dahan (Venomous Skeleton, ex Sonne Adam), e con “Eon Tenebrae” e “Return to Pyramidion” riescono nel compito di avvicinarsi fortemente alle emozioni suscitate da una “We Who Worship the Black” o da una “Take Me Back to Where I Belong”, annegando la lezione di Trey Azagthoth e John McEntee in un abisso dove la componente doom è cruciale nel disegno di un suono avvolgente e crepitante.
Sette minuti neri come la pece che valgono da soli il prezzo dell’intera esperienza, scanditi da una manciata di riff in grado di prostrare l’anima, e che fanno di “Summoners…” una testimonianza più che valida dello stato di salute del filone dopo i grandi ritorni di Grave Miasma e Lvcifyre. Prendetene e mangiatene tutti.

TRACKLIST

  1. Barbaric Howler - Armageddonian Intolerance
  2. Barbaric Howler - Into the Fire that Burns I Born
  3. Cosmic Conqueror - Eon Tenebrae
  4. Cosmic Conqueror - Return the Pyramidion
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.