BATTLEAXE – Heavy Metal Sanctuary

Pubblicato il 24/06/2014 da
voto
7.0
  • Band: BATTLEAXE
  • Durata: 00:47:13
  • Disponibile dal: 24/02/2014
  • Etichetta: SPV Records
  • Distributore: Audioglobe

A trent’anni di distanza dalla pubblicazione del valido “Power Of The Universe”, una brillante gemma scolpita nella tarda era della New Wave Of British Heavy Metal, i Battleaxe tornano sorprendentemente in pista rilasciando il terzo full length di inediti (escludendo il mediocre EP “Nightmare Zone”, datato 2005) intitolato “Heavy Metal Sanctuary”. Al timone della band di Sunderland troviamo lo storico cantante Dave King, accompagnato dal fido bassista Brian Smith, i quali si avvalgono della collaborazione di Mick Percy alle sei corde e di Paul Atkinson, transitato brevemente negli Skyclad, a scandire i battiti dietro le pelli. Seppur azzoppati nel tempo da numerosi cambi di formazione, i Nostri si riappropriano di una rinnovata carica di energia, che trasuda in maniera lampante dai dodici brani che rileggono fedelmente gli standard dell’heavy metal tradizionale. La produzione cesellata nei Trinity Heights Studios di Newcastle upon Tyne risulta calda e perfettamente funzionale al tipo di musica proposta, peraltro brillantemente bilanciata da un missaggio finalmente nitido ed equilibrato, fattore che in passato ha rappresentato il loro tallone di Achille. Trigger, sample ed innumerevoli diavolerie tecnologiche non trovano spazio in un contesto dal quale riemerge l’insostituibile cuore pulsante della nostra musica preferita, composto da basso, chitarre e batteria; quest’ultima peraltro lievemente riverberata sul rullante, effetto che dona un fascinoso tocco old school alla ricetta. La netta sensazione di déjà vu aleggia inevitabilmente in ogni episodio, al contempo abilmente valorizzato da una scrittura solida, sufficientemente varia, coronata da un’interpretazione collettiva più che efficace. L’enfatico prologo che annuncia la title track rievoca i solenni Manowar, per poi sfociare dopo pochi istanti in un incalzante uptempo che non lascia prigionieri sul campo. La medesima cattiveria esecutiva emerge spietata in “Too Hot For Hell”, allo stesso modo è impossibile rimanere indifferenti dinnanzi alle arrembanti scudisciate profuse da “Shock And Awe”, “Hail To The King” (in quest’occasione i Virgin Steele sono dietro l’angolo) e “Revolution”. Il gusto epico degli inglesi emerge con prepotenza in “A Prelude To Battle – The Legions Unite”, mentre il consueto dazio pagato agli immarcescibili AC/DC prende una forma definita nella trascinante “Give It More”. Avvertiamo qualche comprensibile calo di tensione qua e là nella tracklist, ma ciò non basta a negarci il piacere di goderci un lavoro ruspante e sincero sino al midollo. Bentornati, cari Battleaxe, ora spetta a voi tributargli i meritati applausi.

TRACKLIST

  1. Heavy Metal Sanctuary
  2. Shock And Awe
  3. Hail To The King
  4. Rebel With A Cause
  5. Give It More
  6. Too Hot For Hell
  7. Revolution
  8. A Prelude To Battle - The Legions Unite
  9. Spirits Of The Fallen
  10. Devil Calls
  11. Kingdom Come
  12. Romeo
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.