BEECHER – This Elegy, His Autopsy

Pubblicato il 13/10/2005 da
voto
6.5
  • Band: BEECHER
  • Durata: 00:42:16
  • Disponibile dal: 09/08/2005
  • Etichetta: Earache
  • Distributore: Self

Streaming:

Alla ribalta per la recente ripubblicazione del promettente “Breaking the fourth wall” su Earache Records gli inglesi Beecher pubblicano a pochi mesi di distanza questo “This Elegy, His Autopsy”, sgargiante di artwork psichedelico curato da Steak Mtn. Il gruppo è volato sino ai God City Studios di Boston per le registrazioni, raggiungendo ancora una volta il guru Kurt Ballou (Converge), che indubbiamente ha segnato la nuova evoluzione del gruppo, ricalcando il sound della sua band. Il precedente album si muoveva su territori più vicini al metalcore ora in voga, ma siccome il genere pare già saturo e in moltissimi ne hanno già piene le taniche, e soprattutto poiché definirsi in quel modo pare peggio di una maledizione tanto la categoria viene rifuggita (“Metalcore noi? Naaaah…”), piuttosto che raggiungere  lo splendore di Darkest Hour o As I Lay Dying i Beecher si buttano sullo sperimentale. L’inizio è eccellente con la intricata e claustrofobica “It’s Good Weather For Black Leather”, veloce e strutturata, con ottimi riff e aperture d’atmosfera in mezzo a riff intricatissimi e serrati. Bissa il singolo “Function! Function!”, velocissima, caotica e trascinante, condita da geniali cambi di tempo. Viene da pensare che il gruppo ce l’abbia fatta quando arriva “Not Guilty”, lunghissimo, ripetitivo, interminabile, apocalittico pezzo che sfiancherebbe chiunque. Purtroppo la tragedia si ripeterà in seguito (“Reach Up To The Gods”) con song a tratti prolisse, inconcludenti o poco incisive (“Psycho Galvanic Skin Response”), quando peggio ripetitive. Certi spunti sono davvero azzeccati e il gruppo dimostra davvero di saper suonare, il disco in definitiva è ben al di sopra della sufficienza, ma non è ancora giunto il momento della consacrazione.

TRACKLIST

  1. It`s Good Weather For Black Leather
  2. Function! Function!
  3. The Womaniser And Thee Alcoholic
  4. Knight The Arsonist
  5. Not Guilty
  6. ...And On The Day That He Became A Human Plumb Line
  7. Psycho Galvanic Skin Response
  8. Man The Traps
  9. Brown Eyes (No Name)
  10. The Biting Cold
  11. I Won`t Miss, Or Be Missed
  12. Happiness
  13. Reach Up To The Gods
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.